Al via la nuova serie di incontri della Scuola di formazione “Toniolo”

SCUOLA TONIOLO. L’on. Paola Binetti e i prof. Fabio Raspadori e Massimo Borghesi tra i docenti dei nuovi incontri

Tempo di lettura: 118 secondi

Vedura panoramica dell’Istituto Serafico di Assisi
Vedura panoramica dell’Istituto Serafico di Assisi

Fabio Raspadori, docente di Diritto dell’Unione europea, Massimo Borghesi, professore di Filosofia morale, l’on. Paola Binetti, docente di Bioetica e storia della medicina sono solo alcuni dei relatori della seconda edizione della Scuola di formazione socio-politica “Giuseppe Toniolo” di Assisi che partirà martedì 25 marzo con un primo incontro all’Istituto Serafico, tenuto dal vescovo mons. Domenico Sorrentino.

Se Papa Francesco, nella Evangelii gaudium, ha rilanciato il ruolo della politica come “una vocazione altissima, una delle forme più preziose della carità, perché cerca il bene comune”, la diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, in collaborazione con il progetto Policoro, l’Istituto Serafico e la Commissione per il lavoro, la pace, la custodia del creato, riparte con la seconda edizione della Scuola con un ciclo di sei incontri che entrano nel merito e nel concreto della dottrina sociale della Chiesa.

“La nostra Scuola di politica – ha commentato mons. Sorrentino -, intitolata al beato Giuseppe Toniolo, economista e leader storico dell’impegno sociale dei cattolici, poggia su questa convinzione [quella sopra espressa dal Papa, ndr]. Una politica che non è all’altezza della sua vocazione costringe la società, e soprattutto le generazioni future, a pagare un prezzo troppo alto. Ma non possiamo nasconderci dietro un lamento sterile. Ai cristiani, come a tutti gli uomini di buona volontà, compete reagire con uno scatto etico, preparando le condizioni di una politica rinnovata attraverso la formazione delle coscienze”.

“Ho voluto – continua – che la sede di questa scuola fosse l’Istituto Serafico perché sono convinto che questo luogo di amore, dove la persona più debole è posta al centro dell’attenzione come una risorsa di valori e di umanità, offra il contesto ideale per riflettere sulle dimensioni di un bene comune da costruire insieme. Qui ci sono ‘piaghe’ che vanno ascoltate, per dirla con Papa Francesco. E, forse, si nasconde in esse la segnaletica per una polis degna dell’uomo”.

L’obiettivo alto di far conoscere aspetti e approfondimenti sulla dottrina sociale della Chiesa si unisce alla praticità di proporre un ciclo di studi con una quota di iscrizione simbolica per gli adulti e di totale gratuità per gli under 30.

La scuola si chiuderà con un convegno sul tema “Un nuovo modello di sviluppo”. Per informazioni e iscrizioni basta consultare il sito diocesano www.diocesiassisi.it.

LASCIA UN COMMENTO