Bassetti: “Mattarella mi fa pensare a La Pira”

Tempo di lettura: 99 secondi

MattarellaMi associo a tutti coloro che hanno voluto esprimere un sincero augurio al nuovo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In questo momento risuonano nella mia mente le parole di Giorgio La Pira, quando scriveva che la politica è sempre “un impegno di umanità e di santità”. Un impegno, cioè, che deve poter “convogliare verso di sé gli sforzi di una vita tutta tessuta di preghiera, di meditazione, di prudenza, di fortezza, di giustizia e di carità”.

A me sembra, in altre parole, che per l’Italia – e forse non solo per essa, ma anche per l’intera Europa – questo debba essere il tempo della responsabilità e delle opere. Il tempo in cui tutti gli uomini e le donne di buona volontà diano il loro contributo per il bene del Paese, e dove la classe dirigente sappia fornire risposte concrete alle domande di aiuto che sorgono dalla società. Penso, in particolare, a tutte quelle donne e a quegli uomini che stanno perdendo ogni speranza nel futuro.

Sono convinto che per la sua esperienza istituzionale, per la sua fede cristiana testimoniata con sobrietà e per la sua dolorosa esperienza personale, il presidente Mattarella saprà farsi carico con sapienza di queste attese e di queste speranze. Il primo presidente della Repubblica italiana, Luigi Einaudi, il 1° marzo 1954, pochi mesi prima del fallimento della Comunità europea di difesa, scriveva che “nella vita delle nazioni, di solito, l’errore di non saper cogliere l’attimo fuggente è irreparabile”.

Non sprechiamo questa grande occasione per il Paese! Torniamo a dare fiducia alle persone, alle istituzioni civili e religiose, alle imprese, alle associazioni, e soprattutto ai giovani! L’Italia è un Paese ricco di energie e di talenti. Valorizziamo questi talenti e costruiamo su di essi un’umanità nuova.

A nome dei Vescovi dell’Umbria, mentre gli assicuro il nostro particolare ricordo nella preghiera, formulo al Presidente della Repubblica l’augurio che l’alto ufficio che ora intraprende sia ricco di frutti per il vero bene del nostro amato Paese.

AUTORE: † Gualtiero card. Bassetti arcivescovo di Perugia - Città della Pieve, presidente della Conferenza episcopale umbra

1 COMMENT

  1. Condivido il commento di Sua Eminenza il signor Cardinale Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, sulla figura del nostro Presidente Sergio Mattarella, eletto da pochi giorni alla suprema carica dello stato. Questo evento ha sanato il vulnus dei “grandi elettori” che nel 2013 dovettero rieleggere il Presidente Napolitano per una serie di pessime votazioni tutte svolte senza superare il quorum previsto.
    L’aspetto ieratico e quasi serioso del Presidente si è sciolto in un discorso semplice e pienamente condiviso dalla maggioranza degli italiani che ha trattato tutti i temi che stanno a cuore ai “concittadini”. Buon lavoro, Presidente.

LASCIA UN COMMENTO