Castiglione del Lago, terra di cinema

Tempo di lettura: 120 secondi

Castiglione del Lago diventerà capitale del cinema? Chissà. Le premesse ci sono tutte. Intanto il 18 maggio scorso è stato presentato a Perugia il programma, in via di definizione, del festival che si terrà nel centro lacustre a ottobre per celebrare i 90 anni del Cinematografo, il più antico mensile italiano di critica cinematografica.

Una rivista autorevole, edita dalla Fondazione Ente per lo spettacolo, in cui si può trovare tutto ciò che ruota intorno al mondo del cinema e della televisione: i film del mese, recensioni, tv, approfondimenti; sul numero di maggio spazio al Festival di Cannes con interviste, schede, approfondimenti.

A presentare l’evento a Perugia erano presenti mons. Davide Milani, presidente della Fondazione Ente dello spettacolo e direttore della rivista, mons. Paolo Giulietti, vescovo ausiliare di Perugia-Città della Pieve, Sergio Batino, sindaco di Castiglione del Lago e Piero Sacco gestore del cinema Teatro Caporali di Castiglione del Lago. “Non sarà un evento celebrativo – ha spiegato mons. Milani – ma un’occasione d’incontro per tutti coloro che amano il cinema e un’opportunità di promuovere un territorio che amiamo tantissimo, Castiglione del Lago. Verranno molti protagonisti del cinema italiano, dell’editoria, della filiera cinematografica, per affrontare la questione del futuro della comunicazione della settima arte”. Tra i nomi annunciati Alberto Barbera, direttore del Fe- stival di Venezia, Giacomo Poretti, Gianni Riotta. Verranno proposte 4 anteprime cinematografiche con la presenza di attori e registi, un seminario di studio sul futuro del cinema con critici, registi, produttori, comunicatori e attori. Tra i vari momenti formativi quello in collaborazione con le scuole con un corso intensivo su come usare il cinema a scopo didattico e percorsi di educazione all’immagine e di prevenzione del cyberbullismo. La trasmissione cult di cinema Rai Radio 3 Hollywood Party trasmetterà in diretta da Castiglione tutti i giorni del festival.

Per mons. Giulietti l’iniziativa ha due meriti: “portare il cinema sul territorio e far percepire il potenziale educativo e sociale di questo strumento”.

“Non potevamo non dare la nostra disponibilità ad una istituzione e ad una manifestazione così importante – ha detto il sindaco Batino – I centri storici vivono se vi portiamo iniziative come questa che possono tornare a farli vivere. Castiglione è molto legata al cinema grazie alla sua sala Caporali che sosteniamo”.

Piero Sacco, direttore del cinema Caporali, ha definito la sua sala “un cinema di campagna, ma cerchiamo di fare programmazione di qualità. Questa iniziativa valorizzerà la sala”.

 

AUTORE: Manuela Acito

LASCIA UN COMMENTO