ABAT JOUR

ABAT JOUR

Abat jour – Nelle nostre omelie

Nelle nostre omelie, spesso la dimensione civile dell’impegno cristiano è assente. In passato c’è stata, e anche in eccesso, quando ci veniva imposto di...

Abat-jour – Il raggio d’azione del servizio pastorale

Ci chiedevamo: cosa possiamo fare noi cattolici per combattere la crisi morale che, denunciata con grande lucidità da Enrico Berlinguer nel 1976, tuttora imperversa....

Abat-jour – L’occupazione e lo scambio

Se vogliamo veramente ripartire ab ovo, se vogliamo individuare il cuore di quella crisi morale che dai primi anni ’80 attanaglia la politica italiana...

Abat jour – Riscoprire l’America

La gioiosa circostanza della presenza di Papa Francesco fra noi rinfocola la mia convinzione che la difficile accoglienza dei migranti che premono e premeranno...

Abat jour – Cominciando dal basso

Ci credo davvero, e con forza, che lo spettacoloso colpo di reni con il quale alla fine della Seconda guerra mondiale l’Europa riuscì a...

Abat jour – Senza eccezioni

Perentoria come non mai, la Parola della XVI domenica del tempo ordinario: accogliere, accogliere sempre e comunque, e dare sempre la precedenza allo straniero,...

Abat jour – Confermo

Ho confessato la mia nostalgia per la Democrazia Cristiana, per la primissima Democrazia Cristiana. Confermo. Lo faccio sullo sfondo della detronizzazione di un sindaco...

Abat-jour – Nostalgia

Quando avrete in mano questo numero de La Voce la sindaca di Roma Virginia Raggi avrà già pubblicato i nomi della Giunta che chiama...

Abat jour – David e Golia

La sera di lunedì 27 giugno ero nella sala da pranzo della mia comunità residenziale di San Marco, con i miei picchiatelli armati di...

Abat jour – Le stelle sono tante…

La ricordate, la strofetta pubblicitaria? “Le stelle sono tante, / milioni di milioni, / la stella di Negroni… (pausa, prendere l’àzzico)… vuol dire qualità!”....

Abat Jour – “Ruminatio”, cioè

Torno al tema della ruminatio. Troppo alto per me? Sì. Ma a volte, a guardare verso l’alto, i nani ci riescono meglio dei giganti. Tra...

Abat jour – L’intelligenza dell’anima

Forse i miei diciassette lettori s’aspettavano che in questa mia ennesima pinzallàcchra (è dal 1978 che ne sforno una alla settimana!) continuassi il discorso...

Abat jour – Un valdostano che rumina

La gente che qui a Gubbio ha partecipato all’incontro promosso da Il Gibbo con Paolo Curtaz, nella Sala S. Francesco, il 27 maggio u.s.,...

Abat jour – L’Alce Nero

Non li conoscevo, li ho conosciuti con immenso piacere. Parlo dei figli di Gino Girolomoni, il fondatore della mitica cooperativa agricola “L’Alce Nero”. Alce Nero...

Abat jour – Chi sono io (per)?

“Chi sono io?”: un interrogative che oggi ti fa subito pensare a un malato di alzheimer. E non c’è niente, proprio niente da ridere,...

Abat jour – C’è calcio e calcio

Sono ormai un paio di settimane che sotto la volta del  cielo risuona il peana a Claudio Ranieri, un romano de Roma  che ha...

Abatjour – M’incuriosisce

M'incuriosisce Brunetta. No, non LA Brunetta che abita a due isolati delle sede della mia comunità: in altri tempi un incuriosimento del genere sarebbe...

Abat jour. Vincitori e vinti

La settimana scorsa la nostra Tv2000 ha trasmesso Vincitori e vinti, un vecchio film che avevo visto tanti anni fa, e me l’ero ciucciato...

Magone e malvezzi

Davvero, a ripensare a quel giorno di agosto del 1954 - il giorno in cui, sedicenne, a Roma, presi parte alla liturgia di commiato...

Che magone!

Ho voluto concelebrare la liturgia di commiato dell’on. Vinicio Baldelli per doverosa riconoscenza verso un uomo, un docente, un politico di grande levatura, umana...

Contemplata aliis tradere

Una visita a Fonte Avellana è sempre un’idea brillante. Anche solo per ripercorrere lento pede, a testa bassa, i passi di san Romualdo, san...

Un pranzo da Venerdì santo 

Avrei dovuto titolare “un digiuno da Venerdì santo”? Certo, se avessi voluto parlare di quella pia prassi di totale astensione dal cibo che i...

Al di là dell’ovvio, il mondo

Quando Dio parla di se stesso, ipso facto parla anche del mondo, della sua vera anima, del percorso che gli uomini che ci vivono...

Abatjour. Ancora una vittoria dell’ovvio

Se l’ottimo è un robusto nemico del bene, l’ovvio è un perfido nemico della verità. Sto pensando ai commenti sul vangelo di domenica scorsa, la...

Abatjour. Pronto, lei è un Areopagita?

M'ha stravolto la fiction-no-fiction (ma non c’era nulla di fictum, di inventato) di Peppe Fiorello che su Tv 1 ha interpretato alla grande Roberto...

Abatjour. L’avete visto?

Stavo parlando con te, amabile lettore, della duplice appartenenza alla Chiesa: una diretta, esplicita, formalizzata, visibile, registrata e numerata in un archivio parrocchiale (Pio...

Abatjour. Parole nuove, parole antiche

Parole nuove, quelle con le quali Papa Francesco esprime oggi il servizio che la Chiesa è chiamata a rendere al mondo. Parole nuove, grazie...

L’abatjour. Oltre i borborigmi

Càpite nos, cioè scusatemi se mi sono dilungato su quello che succedeva alla facoltà di Teologia dell’università del Laterano negli anni della mia giovinezza...

“Questo”

Sto parlando di ciò che succedeva alla facoltà di Teologia dell’Università del Laterano nell’immediato pre-Concilio, fine anni ’50. C’era ben altro dietro le battutine...

Vicino al Generale

Sul finire degli anni ’50 del XX secolo la pontificia università Lateranense aprì dunque il fuoco contro il Pontificio istituto biblico: demonizzò le splendide...

Che triste!

Che belli quegli anni, che bella quella panoramica su I teologi che hanno fatto il Concilio . E alla radice di tutto, che bello...

Che bello! Ma …

Il dono più gradito che mi è arrivato per Natale è stato un libro di ridotte dimensioni e di grandi contenuti. Gradito, graditissimo, più...

Il recupero dell’acqua sporca

Sono le 11 di sera. Sto aprendo i biglietti degli auguri natalizi. Gli occhi vogliono chiudersi. Poi da una busta emerge un foglio intestato...

Linda

“Linda”: non saprei con quale altro aggettivo qualificarla. Linda. Parlo dell’omelia pronunciata nella chiesa di San Francesco, a Gubbio, il 30 novembre scorso, secondo...

Intransigentismo

Ma ddài, non farti ridere dietro! Avrebbe “prodotto danni incalcolabili” una frase di cortesia riservata da Dante al Papa; ma vvia!!, siamo seri! Frena,...

Un finalino micidiale

Dilungandomi a ciacolare del mio enigmatico disturbo visivo (guardo Papa Giovanni e vedo Papa Francesco, guardo Papa Francesco e vedo Papa Giovanni) ho menato...

Una sindrome inguaribile

Ci sono andato, dall’oculista, e gli ho descritto il fenomeno di cui soffrivo da tempo: fissavo la foto di Papa Francesco, ma appena la...

Ruotando di 180°

Nel 1948 avevo 10 anni; l’Italietta, quella seria, non quella caricaturale disegnata dal vate D’Annunzio, si leccava ancora le ferite della guerra, ma già...

Ça suffit

Basta così, è durata anche troppo l’impertinente suggestione con la quale ho tentato di subornare i miei 17 lettori a proposito di come potrebbero...

Ma è un’amnistia?

“Come ti permetti? Con quale coraggio?” Immagino che lo dirà anche il mio avventurato lettore: “Come ti permetti di suggerire cosa debbano fare gli...

Quod erat in votis

Nel momento in cui riapro l’interruttore e parlo ancora di mistagogia, mi vengono in mente quanti gesti nel corso della liturgia eucaristica sono carichi...

Se è vero che…

“Ma quando verrà pubblicato, il nuovo Messale?” si chiedeva la mia penultima, pallida abat jour, giovane ancora ma già lamentosa come diverse delle sue...

Di nuovo lui, il 16 maggio

Riammettere sant’Ubaldo nel calendario liturgico della Chiesa universale, il 16 maggio, ha un senso. Innanzitutto perché, in un contesto in cui il Vescovo era...

Don Vitto’, se po?

“No, non si può”, lui risponde in italiano alla domanda posta in vernacolo: “Don Vitto’, se po’?”. Lui è don Vittorio Peri, che quando...

Due fiori in un prato / 1

I “fioretti di Papa Francesco” sono nati forse in un vaso di coccio, ma ormai sono diventati un prato. La scorsa settimana altri due...

Giorno che non voleva finire

Non voleva finire, quel giorno. Il giorno dell’Ad Deum a don Elio, amico e maestro. Sono tornato a casa sfinito come si conviene a...

I fichi poltroni

Chiude per qualche settimana questo nostro settimanale. La provvidenziale interruzione permette ai nostri impagabili (e a volte impagati) collaboratori di sbocconcellarsi qualche giorno di...

È il climax che decide

Climax è una parola greca oggi molto usata in medicina (diagnostica e sessuologia) e in ecologia (per indicare l’assetto raggiunto in un dato tempo...

E il giudice chiese scusa

Il più doloroso buco nell’acqua, una tantum, non fui io a carotarlo: lo fece qualcun altro, ma il suo peso a volte umiliante lo...

Nessuno, ma proprio nessuno!

Una volta conosciuta Capodarco, allentai il mio rapporto con i giovani, sicuro che sarebbe bastato un fischio e le giovani pecore sarebbero accorse di...

Quel capitolo

Certo che, almeno per noi pretarelli di campagna, è davvero una gran cosa che l’audience non dia la misura della serietà del nostro ministero,...

L’audience non conta

Dal 2007, ogni mercoledì i formidabili esperti d’informatica che mi hanno coinvolto nell’associazione “Il Gibbo” (Associazione di volontariato informatico) spediscono a migliaia di indirizzi,...

La grazia dell’Essenziale

Nella lectio brevis della lodi del giovedì della XII settimana del Tempo ordinario, l’apostolo Pietro - o chi per lui - ci chiede che...

Travolgente

“Travolgente”: così il mio Vescovo ha definito il discorso che il card. Francesco Montenegro ha rivolto all’Assemblea annuale della mia diocesi di Gubbio, radunata...

L’eterogenesi dei fini

Ho parlato di come la guerra maturò la personalità del compianto babbo Adamo: plaudiamo dunque alla Grande guerra? Neanche per l’anticamera del cervello! Perché,...

Caro figlio, altro che contraddizione!

Ma, babbo …: non era una contraddizione stridente quella di volere a tutti i costi difendere un’esperienza come quella della prima guerra mondiale, che...

Caro babbo, che contraddizione!

Caro babbo Adamo, vi scrivo la sera del 24 maggio 2015, cento anni esatti da quando l’Italia entrò in guerra contro gli Imperi centrali....

Questa me la scrivo

In parrocchia, dopo cena. Stiamo leggendo e commentando la traccia ideale che ci hanno messo in mano in vista del V Convegno della Chiesa...

Lo invidia

Come possiamo noi cattolici contribuire al bene comune? Ieri c’era la Dc. È andata bene, all’inizio, e anche abbastanza a lungo. Poi nei suoi...

“Respec”

Respec, e appare la faccia di Messi. Rispetto, ed ecco il volto di Levandowskj. Respec, e vai col profilo di Cristiano Ronaldo. Rispetto ed...

Sto con il bulldozer

Il pessimismo non si addice al cristiano, che per principio è un ottimista impenitente. Lo è perché da sempre sa che il mondo è...

Spes contra spem

Se non avessi paura di esagerare, la definirei drammatica, l’atmosfera che si è creata al termine della relazione che Luca Diotallevi ci ha proposto...

Come in un’abside d’oro

Io lo credevo un aggettivo solo ornamentale, quel “pasquale” che nelle celebrazioni dell’attuale tempo liturgico è sempre in coppia col sostantivo “fede”. “Fede pasquale”....

La bufala

Nella penultima abat jour, quella del 20 marzo, avevo scritto: “Quello che la Relatio ad Synodum del card. Kasper dice della famiglia è terrificante”....

Imprescindibilmente

Il finalino dell’ultima abat jour contiene un’affermazione sacrosanta e una bufala da tre quintali. Contraddizione, okay. Succede a volte, tra gli umani, soprattutto quando...

E negli altri sacramenti?

La stessa carenza che mi sembra di aver riscontrato nel rito del battesimo, per quanto concerne la spinta all’azione evangelica, mi pare di poterla...

Il battesimo, tutto

L’abat-jour della settimana scorsa ha presunto di gettare la sua fioca luce pallente su quello che, auspicandone l’adozione, ho chiamato “ribaltamento liturgico”. Non coutuntur,...

Una rivoluzione copernicana?

“Nel momento in cui tutti i credenti sono invitati a uscire da se stessi, è assolutamente necessario che la famiglia riscopra se stessa come...

Oltre gli aneddoti

Non sono ancora trascorsi due anni dalla sua elezione, e l’aneddotica su Papa Francesco continua a lievitare nei contenitori dei mass media, lenta e...

Socializzato. Da sempre

Il fisioterapista che viva in modo decente la sua fede in Cristo deve sempre tenere presente che la risurrezione è l’alfa e l’omega della...

Riabilitato? E risuscitando

Riabilitazione è la seconda delle tre grandi parole programmatiche che la moderna civiltà del Welfare State ha lanciato a beneficio del disa-bile o dell’anziano...

Accogliere, cioè…

“Accogliere” la persona debole: facile e dirsi, tutt’altro che facile a farsi. Perché occorre mettere a fuoco con quella persona la verità della sua...

Programma da accogliere e rilanciare

Il punctum dolens della persona debole (il disabile, l’anziano, il rifugiato, il tossico,…) è il rischio di emarginazione che essa si porta dietro; di...

Ricominciando “ab ovo”

Nella seduta del Consiglio direttivo dell’Acradu del 13 gennaio ci siamo riproposti di ripensare a fondo la natura della nostra associazione di secondo livello...

Doppiamente sconosciuta

Sull’intonso calendario, debitamente appeso per l’ennesima volta al posto che gli compete nel mio studiolo, ufficialmente è passato un anno da quando, nel 2014,...

L’assolutizzazione del relativo

Lo specifico del cristiano nell’impegno al servizio del disabile, o comunque della persona debole, parte dalla lotta senza quartiere contro l’emarginazione. Perché nella vita...

Accogliere disabili per batterne l’emarginazione

"Come va? Non c’è male!”. In genere rispondiamo con questa inconscia litote a quello stereotipato interrogativo di maniera. Litote: invece di affermare una certa...

Qualunque cosa succeda

Avevo promesso di parlare di come è andata all’Acradu, ma - ahimé! - devo rimandare, perché scrivo sotto l’impressione enorme che ha suscitato in...

Un rilancio urgente

Per lunedì 1° dicembre è convocato ad Assisi il Consiglio direttivo dell’Acradu. Se non vado errato, l’acronimo canta: Associazione cristiana residenze anziani e disabili...

Che strazio!

“Come si deprime una conquista di civiltà”: un tema che potremmo tranquillamente assegnare al movimento “Femen”, sicuri che lo svolgerebbe egregiamente. Il femminismo è stato...