Cei. Bassetti ai politici: pacificare, ricostruire, ricucire. Noi ci saremo

Tempo di lettura: 314 secondi

“Il 4 marzo gli italiani hanno votato. I partiti oggi hanno non solo il diritto, ma anche il dovere di governare e orientare la società. Per questo il Parlamento deve esprimere una maggioranza che interpreti non soltanto le ambizioni delle forze politiche, ma i bisogni fondamentali della gente, a partire da quanti sono più in difficoltà”. Nella parte finale delle conclusioni del Consiglio permanente dei vescovi italiani, il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, ha lanciato un messaggio chiaro alle forze politiche.

“C’è una società da pacificare. C’è una speranza da ricostruire. C’è un Paese da ricucire”

“Si governi, fino a dove si può, con la pazienza ostinata e sagace del contadino, nell’interesse del bene comune e dei territori”, l’auspicio sulla scorta delle parole pronunciate da Alcide De Gasperi un anno prima di morire, chiudendo la campagna elettorale, il 5 giugno 1953 a Roma. “C’è una società da pacificare. C’è una speranza da ricostruire. C’è un Paese da ricucire”, ha ribadito il cardinale utilizzando i verbi della sua prima prolusione da presidente della Cei: “Chi è disponibile a misurarsi su questi orizzonti ci troverà a camminare al suo fianco”.

“Siamo tutti preoccupati”

Non si è sottratto ai temi politici neanche mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, che durante la conferenza stampa di chiusura del Cep, subito dopo le parole di Bassetti, ha affermato: “Credo che non ci sia nessuno in Italia che non sia preoccupato. Non perché abbia vinto il Movimento 5 Stelle o la Lega: siamo preoccupati tutti, perché tutti vogliamo che si trovino soluzioni che vadano veramente a favore del disagio grosso che ha espresso questo voto. È importante che chi governa, a qualunque formazione appartenga, abbia il cuore e la testa rivolti ai bisogni di coloro che hanno dato loro il consenso”.

—- Il video della diretta —

“Il vento gelido della “violenza intollerabile sulle donne”

La primavera che stenta ad arrivare, cedendo il passo ad una coda d’inverno. È questo lo scenario, non solo meteorologico, del discorso pronunciato da Bassetti al termine del Cep, il primo senza una prolusione per sua espressa volontà. La paura del futuro, quella legata al tasso di disoccupazione dei giovani e all’impoverimento delle famiglie. La paura del diverso, che troppo spesso trova negli immigrati un capro espiatorio. Sono tutte sindromi di quella “notte invernale” che impedisce lo sbocciare della primavera e che in politica assume la forma di una “disaffezione profonda e diffusa che investe l’inadeguatezza della politica tradizionale”. Il disagio, alla lunga, diventa “risentimento, litigiosità, rabbia sociale”, senza contare il vento gelido della “violenza intollerabile che si scatena sistematicamente sulle donne, vento di ignoranza, immaturità e presunzione di possesso”.

Fede relegata  a fatto privato

“Per ripartire dobbiamo ritrovare una visione ampia, grande, condivisa; un progetto-Paese che, dalla risposta al bisogno immediato, consenta di elevarsi al piano di una cultura solidale”. È la ricetta della Cei per uscire dalla “notte invernale” che caratterizza oggi la politica. Non ci sono facili soluzioni, tantomeno scorciatoie all’insegna di false promesse o di accordi di piccolo cabotaggio. Peraltro, il Presidente Cei ha ammesso come nel contesto attuale la fede sia sempre più relegata a fatto privato e fatichi ad incidere come dovrebbe sulla realtà sociale attraverso scelte ad esse consonanti. “Una fede che latita dove invece dovremmo trovarla impegnata a tradurre il Vangelo in segni di vita. Se questo può accadere, come Chiesa abbiamo una ragione in più per rinnovare la nostra disponibilità a continuare a fare la nostra parte. Crediamo che la storia – anche la storia di oggi, la nostra storia – sia guidata dallo Spirito Santo, che suscita uomini liberi e forti”.

Invito al dialogo sociale. E una lettera alle comunità per una riflessione sull’immigrazione

Alla vigilia dell’avvio ufficiale della nuova legislatura, i vescovi rilanciano con forza l’invito al dialogo sociale. “Su questo fronte come Chiesa ci siamo”, assicura Bassetti: “Ci impegniamo ad ascoltare questa stagione, a ragionare insieme e in maniera organizzata sul cambiamento d’epoca in atto e a portare avanti con concretezza un lavoro educativo e formativo appassionato”. “Non partiamo da zero”, la Magna Charta sono i valori sanciti dalla nostra Costituzione in nome dei quali “alte cariche dello Stato, come umili servitori, hanno saputo dare la vita”, dice il cardinale citando gli anniversari dell’uccisione di Marco Biagi, del rapimento di Aldo Moro e del barbaro omicidio dei cinque uomini della scorta. Lavoro, famiglia, giustizia, solidarietà, rispetto, educazione, merito, i valori fondanti della nostra “bella” Costituzione, insieme al “valore essenziale della pace, senza la quale tutto è perduto: in casa nostra come in Europa”. Una lettera alle comunità “per una riflessione sul tema dell’immigrazione che aiuti a passare dalla paura all’incontro, dall’incontro alla relazione, dalla relazione all’integrazione”. È uno dei temi su cui si sono confrontati i vescovi e che ora deve essere approvata dal Cep, prima della pubblicazione.

“Investire molto di più sulla formazione, anche all’impegno politico”

Tra gli impegni, ha riferito Galantino, “investire molto di più” sul tema della formazione, anche riguardo all’impegno politico. Ad una domanda sull’esito di questa tornata elettorale, che ha visto vincere formazioni politiche di stampo populistico e di opzione opposta alla cultura dell’accoglienza verso gli immigrati, Galantino ha risposto assicurando che la Chiesa, con il Papa, è in prima linea – “lo è stato, lo è e lo sarà” – sul fronte dell’accoglienza, che non è un programma politico ma un imperativo evangelico. “Non un evento e basta: un punto di arrivo ma anche di partenza per impegni molto concreti”. Così Galantino ha definito l’incontro di riflessione e spiritualità per la pace nel Mediterraneo, proposto nel Consiglio episcopale permanente di gennaio ed esaminato con molta attenzione dai vescovi nel Cep. Molte le sedi proposte per l’iniziativa, che però “non è a breve”. C’è chi, tra i vescovi, ha lanciato addirittura la proposta di dedicare un decennio alla riflessione corale su questo tema, coinvolgendo anche i giovani. Saranno loro i protagonisti dell’appuntamento in programma il 12 e 13 agosto in vista del Sinodo di ottobre: un pellegrinaggio durante i quali i protagonisti potranno incontrare confluendo a Roma per rispondere alla chiamata del Papa “le parti più fragili della società”, visitando i luoghi dove vivono persone alle prese con la sofferenza, come le carceri, le comunità di tossicodipendenti, le case di accoglienza per gli anziani.

LASCIA UN COMMENTO