Centrosinistra umbro: cos’è, che sarà?

Partito democratico dell'Umbria e futuro della maggioranza regionale

Tempo di lettura: 91 secondi

Cos’è adesso, il centrosinistra umbro e, soprattutto, cosa sarà l’anno prossimo, quando si voterà per le amministrative? I diretti interessati se lo stanno chiedendo da tempo, qualcuno anche con preoccupazione. In questi anni, ed ancora in molte Amministrazioni a partire da quella regionale, il centrosinistra si è declinato secondo la formula ‘allargata’ a Rifondazione comunista, Pdci e Verdi. Nel frattempo ci sono state la fusione nazionale di Ds e Margherita e, soprattutto, le elezioni politiche, che questa formula (con gli esiti negativi della sinistra radicale) hanno ampiamente rimesso in discussione. Ma la parola d’ordine, a livello umbro, è di ‘non toccare niente’ almeno fino alle amministrative della primavera prossima, anche se le frizioni tra Pd e gli ancora alleati della sinistra radicale si palesano ad ogni piè sospinto (vero, sindaco Locchi?). Così il Pd, in un clima politico reso più ‘denso’ anche dalle iniziative della magistratura e da frizioni interne di un certo spessore, cerca di serrare i ranghi. A Perugia nei giorni scorsi si sono incontrati gli eletti in Parlamento ed i dirigenti regionali del partito di maggioranza. Ricco il menù del confronto: dalle scadenze interne, come la preparazione della conferenza programmatica regionale ed il lancio del tesseramento, ad Appaltopoli (è stata auspicata ‘correttezza nel rapporto tra economia e politica’), dall’impegno a ‘coordinare l’attività del gruppo parlamentare con quella del partito’ a questioni epocali come infrastrutture, federalismo fiscale, riforme istituzionali, manovra finanziaria 2009. A deputati e senatori umbri Pd, però, l’impegno maggiore l’ha chiesto la presidente della Regione: ‘Ci sono da confermare le risorse per i Patti su sanità, trasporto pubblico locale, banda larga e sicurezza, sottoscritti con il Governo nella precedente legislatura’, ha detto loro la Lorenzetti. Forse nella consapevolezza che soprattutto dal buon esito di queste ‘partite’ dipenderà anche il risultato del Pd nei prossimi appuntamenti elettorali.

AUTORE: Daris Giancarlini

LASCIA UN COMMENTO