Chi attende e chi no

ELEZIONI. Come si stanno preparando i vari schieramenti

Tempo di lettura: 125 secondi

Nuovo_CentrodestraÈ il momento delle decisioni per le elezioni amministrative, e si percepisce la tensione in diversi movimenti politici. Il centrodestra, in particolare il Ncd (Nuovo centrodestra), è inquieto perché non sono stati proposti, da parte di Forza Italia, i nomi ‘di peso’ per le comunali di Perugia e degli altri Comuni che andranno al voto in primavera nell’ambito della coalizione.

Forza Italia aspetta a decidere – consapevole della propria forza – e non sembra preoccuparsi più di tanto degli ultimatum degli alleati che fanno balenare l’idea di “andare da soli”. I rappresentanti di spicco del Nuovo centrodestra hanno lanciato ufficialmente la “campagna di primavera” con una conferenza stampa in Consiglio regionale: Massimo Mantovani, Massimo Monni, Maria Rosi, Alfredo Andreani e Franco Asciutti. Tutti hanno intimato a Forza Italia di sbrigarsi.

Per Mantovani “il tempo è scaduto, bisogna fare in fretta”. E Asciutti ha sottolineato che come “c’è bisogno di un forte cambiamento, c’è a livello nazionale e come si può pensare che non si debba proporre un progetto di cambiamento per Perugia?”. Il Ncd pensa già alle regionali del 2015 candidando il sindaco di Assisi, Claudo Ricci, che “lavora già alle liste civiche per allargare il centrodestra”.

Se il Ncd mostra impazienza, il Movimento 5 stelle punta con decisione su una piazza, Spoleto, dilaniata dalle divisioni nel centrosinistra: potrebbe costituire un’occasione reale di vittoria per i ‘grillini’. Intanto è stata inaugurata la sede elettorale, nel centro cittadino, con la presentazione del candidato sindaco, Guido Grossi. Hanno partecipato i tre parlamentari eletti in Umbria, il senatore Stefano Lucidi e i deputati Tiziana Ciprini e Filippo Gallinella, ma anche gli eletti laziali Stefano Vignaroli e Marta Grande, e il senatore siciliano Mario Michele Giarrusso.

Il Movimento 5 stelle ha definito una serie di incontri sul territorio di Spoleto, mentre centrodestra e il centrosinistra aspettano. Il sindaco uscente, Daniele Benedetti, nonostante i problemi attraversati dalla sua maggioranza in questa legislatura, vorrebbe ricandidarsi senza, però, passare attraverso le primarie.

Nel frattempo, a Foligno, Nando Mismetti ha deciso di ricandidarsi ma, al tempo stesso, un assessore della sua Giunta, Joseph Flagiello, ha manifestato l’intenzione di presentarsi facendo riferimento alla necessità di un ricambio generazionale: “L’ingresso con forza dei trentenni e quarantenni è un passaggio sano e in un certo senso anche necessario, non soltanto nelle istituzioni e nella politica, ma anche nel mondo dell’imprenditoria e dell’associazionismo”, ha osservato. Proprio in queste ore si deciderà il Pd folignate deciderà cosa fare. E non è esclusa la candidatura a sindaco dell’attuale assessore regionale Vincenzo Riommi.

AUTORE: E. Q.

LASCIA UN COMMENTO