Chi scende, chi sale nei Comuni umbri

ELEZIONI COMUNALI. A Todi 'zampata' del centrodestra. A Narni la sinistra vince, ma con una spaccatura

Tempo di lettura: 184 secondi

Una grande sorpresa, Todi, e un risultato atteso, la riconferma di Stefano Bigaroni come sindaco di Narni. Complessivamente sono stati chiamati alle urne per l’elezione di sindaco e consigleri, nei nove Comuni umbri, 47.847 cittadini, 28.813 nel territorio perugino e 19.034 nel ternano. I Comuni interessati alle elezioni sono stati: Narni, Todi, Bettona, Cascia, Deruta, Monteleone di Spoleto, Valtopina, Attigliano e Parrano. TodiA Todi Antonio Ruggiano (centrodestra) ha sfiorato la clamorosa vittoria al primo turno. Gli sono mancati pochi voti per diventare subito il primo cittadino della città di Jacopone. Si profila un ricorso immediato per il riconteggio delle schede contestate. Alessandro Servoli (centrosinistra) non ha brillato: ha ottenuto il 46,6 per cento quando Katiuscia Marini, nell’ultima consultazione, aveva raggiunto addirittura il 63 per cento dei consensi. Evidentemente Servoli non era un candidato gradito alla coalizione, come appare dai primi dati, se le liste del centrosinistra hanno ottenuto molti più voti del loro potenziale sindaco. È stato quindi praticato su larga scala il voto disgiunto. Non si sa se per indicazione di qualche candidato scartato oppure per scarsa presa verso gli elettori del centrosinistra. Se si andrà al ballottaggio, ci vorrà un miracolo per invertire la rotta per il centrosinistra. È una riprova, a livello generale, del fatto che un candidato imposto dalle segreterie di partito trova poca fiducia se non c’è consenso tra la base elettorale. A Todi (17mila abitanti e circa 14mila aventi diritto al voto) hanno votato 11.288 votanti per una percentuale pari all’80,5 per cento. Ruggiano ha ricevuto il 50 per cento di consensi (5.472 voti) mentre, come detto, Servoli ha ottenuto il 46,6 per cento (5.108). Decideranno gli elettori degli altri candidati: Maurizio Giannini con il 2,5 per cento (273 voti ) ed Alvise Pazzaglia (con lo 0,9 per cento per 99 voti). Oppure bisognerà valutare la possibile astensione. NarniIl Comune umbro più grande dove si sono svolte le elezioni è stato quello di Narni (20mila abitanti e 17mila elettori). Hanno votato 12.939 persone, pari al 75,9 per cento degli aventi diritto. A Narni Stefano Bigaroni, per il centrosinistra, con il 62,9 per cento (7.851 voti) dei consensi ha stravinto la sfida contro il 27 per cento (3.365) ottenuto da Gabriele Schiavoni, del centrodestra, e il 10,1 per cento (1.255) di Mario Persio, Rifondazione comunista: la vera sorpresa dal punto di vista politico per lo strappo con la coalizione del sindaco uscente. Sia a Narni (42 per cento) che a Todi (31 per cento) l’Ulivo è il partito che ha conseguito il maggior numero di voti. BettonaA Bettona, Comune reduce da una gestione commissariale, ha vinto la lista capeggiata da Lamberto Marcantonini, centrodestra, con il 37,6 per cento di consensi (1.022) contro il 34,2 per cento (928) di Stefano Frascarelli, l’ex sindaco che non ha concluso la legislatura, e il 28,2 di Tiziano Uccellini (765). CasciaA Cascia – anche qui c’era stato il commissario prefettizio – ha vinto Gino Emili, già sindaco per diversi anni, con il 53,5 per cento di voti contro Damocle Magrelli. DerutaSuccesso per Alvaro Verbena, del centrodestra, che ha conquistato il 43,5 per cento (2.444) di consensi contro il 39,7 per cento (2.232) di Gianfranco Poli, per centrosinistra, e il 16,8 per cento (942) di Remo Patacca, per la lista Insieme per Deruta. Monteleone di SpoletoConfermato nel suo ruolo di sindaco Nando Durastanti (centrosinistra), che ha ricevuto il 64,5 per cento dei voti contro il 32,1 per cento di Renato Peroni e il 3,4 per cento di Giovanni Savi. ValtopinaSuccesso del centrosinistra: Giuseppe Mariucci ha ottenuto il 71,4 per cento di consensi contro Tonino Ugo Fuocchi, al 28,6 per cento. Nei due Comuni del Ternano chiamati al voto ha vinto il centrosinistra. AttiglianoAd Attigliano è stato eletto Daniele Nicchi, centrosinistra, con il 72,5 per cento dei voti. Il suo avversario Giorgio Germani ha ottenuto il 27,5 per cento. ParranoA Parrano ha vinto Gino Mechelli, rappresentante del centrosinistra, con l’87,3 per cento di consensi. Mauro Buratta ne ha ricevuti il 15,6 per cento.

AUTORE: Emilio Querini

LASCIA UN COMMENTO