Cinque nuovi laboratori al Ciuffelli-Einaudi di Todi

Inizia bene l’anno all’istituto: salgono a ben 60 gli ambienti di apprendimento pratico

Tempo di lettura: 97 secondi

Marcello Rinaldi
Marcello Rinaldi

Inizia nel migliore dei modi il 2015 per l’istituto Ciuffelli-Einaudi di Todi, il polo dell’istruzione tecnica e professionale nel quale convivono importanti articolazioni di studio (agraria, ragioneria, geometri, turismo, elettronica, moda) e a cui fanno riferimento 1.000 persone tra studenti, docenti e personale addetto alle tre sedi scolastiche e al convitto maschile e femminile annesso. Le novità riguardano l’inaugurazione di 5 laboratori, che vanno a implementare una dotazione costituita già ora da ben 60 diversi ambienti di apprendimento esperienziale.

“Si tratta – sottolinea il preside Marcello Rinaldi – di uno sforzo importante che punta a innalzare la qualità della formazione e le competenze professionalizzanti trasmesse”. Nei prossimi giorni gli studenti potranno disporre di un moderno laboratorio di disegno Cad dotato di 28 postazioni e di software all’avanguardia, il tutto nella sede dell’indirizzo agrario al posto della vecchia aula di disegno, topografia e costruzioni. All’Ipsia, invece, il taglio del nastro riguarderà il laboratorio di meccanica, le cui nuove dotazioni saranno a servizio dell’indirizzo professionale di elettronica. Ben tre le novità all’Einaudi, dove convivono gli indirizzi di ragioneria, geometri e del turismo: qui verranno inaugurati un laboratorio linguistico, un terzo di informatica generale e una nuova aula “2.0”.

Per conferire solennità all’apertura e all’intitolazione delle strutture si terranno tre cerimonie alla presenza di autorità, professionisti e imprenditori a sottolineare lo stretto legame della scuola con il territorio e il mondo del lavoro.

L’eccellenza del Ciuffelli-Einaudi trova conferma nel recente studio condotto dalla Fondazione Agnelli tra gli studenti iscritti all’Università, i cui risultati sono pubblicati nel portale “eduscopio” anche per aiutare a orientarsi nelle iscrizioni alle superiori. “La nostra scuola – evidenzia Rinaldi – risulta al primo posto nella regione per l’istruzione agraria, al primo posto per l’indirizzo geometri rispetto ai pari istituti nell’Umbria mediana, e al terzo posto per il commerciale, sempre nel confronto con le scuole della parte centrale della regione”.

AUTORE: Antonio Colasanto

LASCIA UN COMMENTO