Don Vittorio Lucarelli racconta la il suo “lavoro” a Huacrachuco

Tempo di lettura: 115 secondi

Lucarelli-don-vittorio-bnDon Vittorio Lucarelli è tornato dal Perù per circa un mese a casa sua, ad Umbertide, per essere vicino alla mamma 90enne. Gli abbiamo rivolto qualche domanda.

È riuscito a trovare i finanziamenti per l’oratorio?
“No, non siamo riusciti a trovare tutti i finanziamenti, ma solo una piccola parte, che abbiamo usato per portare l’acqua potabile in paese per 100 famiglie e aiutare alcuni malati (in Perù la sanità è tutta a pagamento)”.

Di che cosa ha bisogno?
“Ho bisogno di trovare un campo più grande: quello che abbiamo è piccolo. Ho bisogno di aiuto per poter comprare 3.600 mq di terreno che servono per aiutare tanti ragazzi/e a poter seguire un cammino buono per la loro vita. Ho bisogno del buon cuore e della generosità di chi mi legge”.

Com’è la situazione a Huacrachuco?
“È una zona di passaggio della cocaina, prodotta nella selva e poi inviata ai porti costieri e da qui spedita nel mondo. Per questo continua a crescere come paese, anche se la gente che arriva si ferma poco e poi riparte; le famiglie più antiche e depositarie della fede e della cultura si sono trasferite a Lima negli anni ’70. Le sètte infestano il territorio, ma, nonostante questo quadro, la vita è semplice e naturale, ci sono ancora valori umani e morali”.

Come andate incontro ai poveri?
“Tra tutti i poveri che ci sono, cerchiamo di aiutarne 50 a cui ogni mese diamo 3 kg di pasta e altrettanti di riso, zucchero, farina, un po’ di scatolame e un litro di olio. Dall’anno scorso abbiamo aperto una piccola infermeria e anche una falegnameria, dove lavorano due ragazzi che riescono così a guadagnarsi il pane”.

L’oratorio ha un ruolo importante?
“Sì, è il cuore del lavoro che facciamo; aiuta ad avvicinare i giovani e a formare dei buoni cittadini, perché buoni cristiani. I bambini (ne ho 600) hanno la possibilità di entrare all’oratorio dopo la prima comunione; si riuniscono due sabati al mese e tutte le domeniche A marzo porteremo avanti anche un asilo, per iniziare quanto prima l’educazione dei bambini al cammino cristiano”.

Si possono fare donazioni tramite bonifico bancario intestato a: Associazione Cordillera Blanca, via Marconi 1, 06024 Gubbio (Pg), con causale “Erogazione liberale a favore di Onlus per Progetto Huacrachuco”; oppure Monte dei paschi di Siena, Iban IT 29 Q 01030 38480 000001081486; o Poste, Iban IT 66 S 07601 03000 000011688637.

AUTORE: Fabrizio Ciocchetti

LASCIA UN COMMENTO