Dove il lavoro è a misura di famiglia

“Premio Città di Assisi aziende family friendly”: più si interagisce con le famiglie più si lavora e meglio

Tempo di lettura: 223 secondi

La premiazione della UmbraGroup
La premiazione della UmbraGroup

Vorrei far passare a tutti la gioia e la felicità, sì, felicità, provata domenica scorsa partecipando nella Sala della Conciliazione, palazzo comunale di Assisi, alla premiazione delle aziende che si sono meritate questo grande e storico premio.

Potremmo parlare di una vera e propria “Rivoluzione copernicana” quella evidenziata dal “Premio Città di Assisi aziende family friendly”, intitolato al grande imprenditore umbro Valter Baldaccini, recentemente scomparso. Questa era la seconda edizione

Ho vissuto un’esperienza unica per la sua grandezza e il suo valore rivoluzionario. Le ditte premiate hanno colpito e fatto gioire perché con dati alla mano hanno dimostrato che più si interagisce con la famiglia e più i dipendenti lavorano con gioia e profitto, aumentando così il fatturato e dando possibilità nuove di lavoro a tanti altri.

Era presente come relatore anche un docente della pontificia Università di Santa Croce (Roma), José Angel Lombo, che brillantemente (come sanno fare gli spagnoli) ci ha spiegato perché dovrà essere così se si vuole ricostruire il Paese partendo anche da una nuova e sana economia.

La teoria dell’homo oeconomicus dopo più di 50 anni è fallita, mentre l’economia nel suo impianto organizzativo copia l’organizzazione familiare l’economia procede, cresce e si sviluppa, creando bene comune, anche promuovendo una società più forte e coesa attraverso la famiglia.

Finalmente abbiamo sentito valorizzata la famiglia senza se e senza ma.

Politici, imparate!

Mi piace ricordare e raccontare alcuni flash, tanto per essere concreta, alcuni particolari raccontati dall’Amministratore delegato della ditta FM di Roma. Questa ditta è partita da subito con un approccio nuovo e rivoluzionario con i propri 5 dipendenti 12 anni fa ed ora sono 250. Non hanno un orario fisso, d’inizio e fine lavoro. I bambini dei dipendenti, in caso di necessità, sono accolti e passano ore nell’ufficio della mamma e del papà, liberi di muoversi e giocare.

Quando nasce un bimbo, fiocco rosa e festa per tutti. Aiuti particolari per chi aspetta un bimbo ed è in difficoltà. E poi tante altre possibilità concrete, perché la famiglia dei dipendenti viene prima della “famiglia lavorativa”. Ora è nato il progetto “Casa al quadrato”: un luogo cioè dove il dipendente non trovi differenza tra casa e lavoro. Un vero sogno rivoluzionario che dovrebbe essere la molla che potrà far partire altri coraggiosi imprenditori italiani e stranieri. E questa non è stata gioia vera per chi ha a cuore l’Italia?

Questa iniziativa, nata grazie alla mente illuminata del presidente del Movimento per la vita di Perugia, Vincenzo Silvestrelli, in sintonia con il Comune di Assisi, è una strada privilegiata di promozione e salvezza della vita umana e della famiglia.

Premio Assisi Aziende family friendly. Tre le premiate: Telecom Spa, Qui! Group Spa, eFm srl

Domenica 8 marzo nel giorno della festa della donna, in Assisi presso la Sala della Conciliazione in Piazza del Comune, sono stati consegnati i riconoscimenti alle tre aziende vincitrici del Premio “Città di Assisi Aziende Family Friendly – Valter Baldaccini” istituito con l’obiettivo di valorizzare e diffondere le azioni di pari opportunità e di conciliazione vita-famiglia-lavoro svolte dalle imprese in favore dei propri dipendenti. La giuria del Premio, presieduta da Beatrice Baldaccini (Direttore risorse umane e comunicazione della “Umbra Group”) ha scelto Telecom S.p.a., Qui! Group S.p.a, eFm S.r.l. che hanno presentato le loro iniziative.

Telecom Italia ha sviluppato e consolidato negli anni numerose iniziative per agevolare l’equilibro tra vita lavorativa e tempo libero, favorendo le esigenze dei dipendenti e delle loro famiglie e per promuovere il benessere-fisico dei colleghi. QUI! Group si è distinta quale azienda virtuosa che opera al fianco delle lavoratrici che rappresentano il 70% della forza lavoro. Numerosi sono gli interventi di conciliazione messi in atto al fine di garantire alle “future madri del Gruppo”, ma anche ai nascituri, il giusto supporto nei periodi pre e post-gravidanza. eFM ha operato sulle modalità organizzative, i tempi di lavoro, i servizi per la famiglia, l’organizzazione degli spazi focalizzandosi soprattutto su iniziative finalizzate a coniugare maternità e carriera. All’incontro sono intervenuti tra gli altri il sindaco di Assisi Claudio Ricci, Vincenzo Silvestrelli presidente del Movimento per la Vita di Perugia, José Angel Lombo della Pontificia Università della Santa Croce, Riccardo Finetti della Scuola di Economia civile, Carla Casciari , vice presidente Regione Umbria, Antonio Lunghi , vice sindaco di Assisi. Ha consegnato i premi Beatrice Baldaccini dell’Umbra Group, presidente di Giuria. Ha moderato Anna Mossuto, direttore del Corriere dell’Umbria.

AUTORE: M. Pia Businelli Movimento per la Vita di Perugia

LASCIA UN COMMENTO