Dove la cultura è di casa

L'Istess pensa alle attività dopo l'estate: nuova edizione del Filmfestival, e un invito alla Betancourt

Tempo di lettura: 155 secondi

La pausa estiva, per l’Istess (Istituto di studi teologici e storico-sociali della diocesi) è tempo di bilanci e di progettazione delle attività culturali per il prossimo autunno. Nell’anno trascorso l’attività è stata preferenzialmente dedicata al pianeta giovani, a cominciare dal seminario ‘I giovani incontrano la filosofia’ sul tema del ‘Sogno tra metafora e realtà’, che ha registrato una frequenza costante di 200 studenti dei licei per 8 incontri. Poi, la terza edizione del Filmfestival ‘Popoli e religioni’, che si è avvalso della collaborazione degli studenti delle facoltà universitarie del Polo scientifico e didattico di Terni; infine il campus universitario delle arti ‘Cenacolo San Marco’, nato in collaborazione con la Commissione diocesana per l’università, che ha realizzato alcuni laboratori artistici. A tutte e tre le iniziative ha dato il patrocinio e la collaborazione l’assessorato alla Formazione della Regione Umbria, la cui titolare Maria Prodi non solo ha partecipato ad alcune iniziative ma ha anche espresso viva soddisfazione per l’importante presenza a livello culturale e formativo dell’associazione. Il contributo economico erogato, di 3.500 euro, è stato un segno concreto della volontà politica di dare attenzione non solo ai giovani ma anche al territorio della bassa Umbria. Anche l’assessore regionale alle Politiche sociali Damiano Stufara ha mostrato interesse e attenzione al Festival del cinema interculturale ‘Popoli e religioni’ che si è svolto a Terni alla fine di ottobre registrando circa 1.000 presenze al giorno per l’intera settimana dell’evento. Il contributo erogato dall’assessorato regionale, 3.000 euro, è un gesto che sottolinea la rilevanza di un’iniziativa che ha tutte le potenzialità per diventare ‘strategica’ per l’intera regione Umbria. Altri due eventi culturali meritano una menzione per l’alto livello delle trattazioni: l’incontro-dibattito tra il vescovo Vincenzo Paglia e il sindaco di Venezia Massimo Cacciari sul tema dell’amore, in occasione degli eventi valentiniani 2008, e il dibattito su ‘Donne d’Oriente e d’Occidente’ con la presenza di Souad Sbai (Associazione donne marocchine in Italia) per la festa della donna. Per l’8 marzo 2009 l’Istess ha invitato Ingrid Betancourt: speriamo possa intervenire e portare la sua splendida testimonianza di impegno e di fede. A settembre riprenderanno le attività dell’Istess. Tra gli appuntamenti di spicco, verrà proposta la quarta edizione del Filmfestival popoli e religioni, dal 7 al 16 novembre. Due giornate, il 7 e l’8 novembre, si svolgeranno ad Orvieto, il resto dal 9 al 16 al City Plex a Terni, proponendo non solo film delle diverse aree del mondo ma anche musica, danza e incontri tra i principali esponenti delle diverse religioni. Intanto, in questi giorni il Comune di Terni, assessorato alla Cultura, ha rinnovato la convenzione con l’Istess per la durata di 2 anni ed un contributo di 50 mila euro per ciascun anno per realizzare insieme non solo il Festival del cinema ma anche dieci ‘Giovedì del libro’ ed altrettanti ‘Incontri di letteratura in un dialogo tra le culture’ nonché convegni di storia locale e relative pubblicazioni. In autunno saranno pronti gli atti del convegno di studi del 2006 promosso dall’Istess in collaborazione con l’assessorato alle Politiche sociali della Regione dell’Umbria sul tema ‘La società multietnica: l’integrazione possibile’.

AUTORE: Benedetta RinaldiStefania Parisi

LASCIA UN COMMENTO