Famiglia, patrimonio di tutti

Il discorso all’Onu di mons. Paglia, presidente del Pontificio consiglio per la famiglia

Tempo di lettura: 192 secondi

Mons. Vincenzo Paglia con il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon
Mons. Vincenzo Paglia con il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon

Famiglia, risorsa della società: è questa la constatazione, ed anche la proposta, che è stata rilanciata alle Nazioni Unite dal Pontificio consiglio per la famiglia, il 14 febbraio. La scelta di sposarsi – sottolinea il presidente del dicastero vaticano, mons. Vincenzo Paglia – e di costruire una vita familiare è ancora oggi una forza vitale che sostiene le altre realtà che compongono la società: dalla procreazione dei figli all’educazione, dal lavoro alla cura dei più deboli, all’accoglienza dell’altro.

Mons. Paglia, oggi la Chiesa si trova di fronte ad altri tipi di convivenza, alternativi alla famiglia tradizionale…

“In effetti, noi ci troviamo di fronte a una sorta di nuova Babele dove tutto è famiglia… e nulla è famiglia, quindi. C’è anche chi, come è accaduto in Francia, pensa che attraverso un disegno di legge – cito quasi letteralmente – si voglia ‘riscrivere la civiltà’. La famiglia c’è: ha tanti problemi, ci sono tante situazioni drammatiche, ci sono insufficienze in tante parti, ma – come è accaduto a Milano, nell’Incontro mondiale delle famiglie – abbiamo potuto costatare con mano la realtà solida della famiglia, che in qualche modo sta trovando all’interno della sua storia le forze per resistere”.

Si ha l’impressione, qualche volta, che ci sia proprio una divaricazione, come se avessero preso strade diverse: le esigenze che ancora le persone, le coppie sperimentano – di solidarietà, di incontro, di superamento della solitudine, di un aiuto reciproco – e quello che, invece, la cultura pensa e propone come modello per rispondere a questi problemi.

“Questo nasce non per caso, ma da una cultura che ormai privilegia l’io rispetto al noi: l’individuo rispetto alla società, i diritti dell’individuo rispetto ai diritti della famiglia. Se noi dovessimo paragonare questi due soggetti, l’individuo oggi può affermare – anzi, continua ad affermare senza ritegno – di avere il diritto ad avere ogni diritto, qualunque esso sia. I diritti della famiglia invece sono pochi e spesso disattesi”.

Non si tratta quindi semplicemente di difendere una tradizione: sappiamo anche che il modello familiare ha conosciuto tante e profonde trasformazioni. Non si tratta piuttosto di andare un po’ alla radice dell’umanità, dei fondamenti dell’umanità?

“Sono totalmente d’accordo. Lode, in questo senso, anche all’episcopato francese che ha saputo difendere una realtà – quella del matrimonio e della famiglia – come una realtà di tutti. In effetti, lungo la storia cristiana il matrimonio si è arricchito di incredibili dimensioni straordinarie: l’uguale dignità tra l’uomo e la donna, il rispetto per i figli, anche per i figli che sono nati fuori dal matrimonio, o altri ancora. Ecco, allora, l’intelligenza – soprattutto oggi, in un mondo globalizzato – di coinvolgere, ad esempio su questo tema del matrimonio e della famiglia, tutti i cristiani: in Francia c’è stato lo straordinario esempio del rabbino Bernheim, come anche di alcune rappresentanze islamiche, ma anche degli umanisti laici”.

Il Pontificio consiglio per la famiglia ha portato queste istanze alle Nazioni Unite.

“Il 14 febbraio siamo andati alle Nazioni Unite, alla ‘piazza del mondo’, per riproporre la Carta dei diritti della famiglia, scritta dal Pontificio consiglio esattamente 30 anni fa, per essere voce dei diritti di questo immenso patrimonio dell’umanità che è appunto la famiglia. Vorremmo dire a tutti che la famiglia deve tornare ad essere al centro della cultura, al centro della politica, al centro dell’economia e anche al centro della Chiesa, perché il rischio di un individualismo religioso si annida anche all’interno delle nostre file. Ecco perché vorrei che il pellegrinaggio del 26 e 27 ottobre – quando mi auguro che migliaia di famiglie vengano a Roma, per incontrarsi con il Papa sulla tomba di san Pietro – fosse un pellegrinaggio in cui tutte le famiglie mostrassero al mondo la bellezza di essere famiglie cristiane, e dicessero a tutti che non solo è possibile, ma è anche bello”.

AUTORE: Pietro Cocco

LASCIA UN COMMENTO