I Francescani rilanciano l’impegno missionario

I Frati minori riconfermano padre José Rodriguez Carballo come loro ministro generale

Tempo di lettura: 148 secondi

Ridare slancio all’attività missionaria dei Frati minori è il principale obiettivo espresso per il prossimo mandato dal ministro generale dell’Ordine, padre José Rodriguez Carballo, appena riconfermato dal 187’Capitolo generale riunito a Santa Maria degli Angeli. Fr. Carballo è spagnolo ed ha 56 anni. Ministro generale già dal 2003, ha svolto in precedenza i seguenti incarichi: definitore generale e segretario generale per la formazione e gli studi; ministro della Provincia francescana di Santiago de Compostela (Spagna); presidente dell’Unione dei frati minori d’Europa e maestro dei giovani religiosi in formazione. Significativo anche il suo curriculum accademico: dopo aver ottenuto la licenza in Teologia biblica a Gerusalemme e la licenza in Sacra Scrittura a Roma, ha insegnato queste discipline nel Seminario maggiore nella città spagnola di Vigo e nella Facoltà teologica di Santiago de Compostela. Carballo è il 119’successore di san Francesco. ‘Nei prossimi 6 anni ‘ ha detto padre Carballo ‘ intendo portare avanti questo progetto di allargamento dell’impegno missionario perché è la richiesta più pressante che mi è pervenuta nell’ambito delle proposte emerse nel Capitolo. Bisogna andare nei ‘chiostri’ dimenticati del mondo, tra i più poveri, per essere minori tra i minori, frati di popolo, accanto agli ultimi, portando il messaggio di Francesco. In particolare l’obiettivo è di aprire missioni in Asia: in Laos e Cambogia, e in Africa: in Camerun e Ghana. Sebbene già portata avanti in questi anni, si tratta di una grossa sfida, considerato che diminuiscono complessivamente le nostre presenze’.’La riconferma è un gesto di grande fiducia, segno di un buon lavoro svolto ‘ ha aggiunto ‘ ma c’è ancora tanto da lavorare. Il messaggio di Francesco va esportato perché è sempre attuale, non delude mai. Oggi si parla troppo di poveri; invece occorre fare di più per i poveri e vivere di più con loro, e non vivere di slogan. Va perseguita la fraternità, anche verso gli altri che professano religioni diverse. Con il sostegno dei laici, che hanno una funzione insostituibile perché hanno tanto da darci’. Il Ministro generale ha posto l’accento anche sull’importanza della formazione per ‘rafforzare il nostro messaggio a 800 anni dalla fondazione dell’Ordine dei Frati minori’, avvenuto proprio alla Porziuncola, dove si è celebrata la cerimonia con la consegna al neo-eletto del ‘sigillo di tutto l’Ordine dei Frati minori’. I frati capitolari e gli altri presenti al rito si sono avvicinati al ministro generale per promettergli obbedienza e scambiare un abbraccio di pace e comunione fraterna. L’inviato speciale di Benedetto XVI, card. Josè Saraiva Martins, ha parlato di ‘giornata importante per la Chiesa per il ruolo svolto dai Francescani nella storia. La mia presenza è il segno dell’affetto del Papa per i Francescani’. Nel suo saluto all’assemblea dei Frati minori, il Cardinale ha ricordato l’impegno missionario che ‘vi ha portato ad entrare in contatto con popoli, culture e religioni diverse, a ogni latitudine del mondo e l’appassionato annuncio del Vangelo in ogni epoca, con la capacità di incidere anche sulla cultura, sull’economia e sulla società’.

AUTORE: Romano Carloni

LASCIA UN COMMENTO