Il capitalismo è da ripensare. A Solomeo confronto tra P.Kotler, B.Cucinelli, O.Farinetti e altri

Sta per uscire l’edizione italiana del libro di Philip Kotler. La presentazione il 9 giugno in anteprima nazionale a Solomeo in video-collegamento dagli USA con l’autore

Tempo di lettura: 302 secondi

Philip Kotler
Philip Kotler

Dal 5 all’8 maggio 2015 il professor Philip Kotler, che era accompagnato dalla moglie Nancy, ha soggiornato per la prima volta in Umbria, visitando Perugia, Assisi, Todi e Torgiano, ma il suo viaggio ha subito un imprevisto cambio di programma. Pochi giorni prima della partenza da Chicago gli era infatti pervenuto l’invito a tenere il discorso principale al Summit annuale della Business for Peace Foundation nella City Hall di Oslo, il luogo dove vengono consegnati i Premi Nobel per la Pace.  Così il 6 maggio il professore partiva dall’aeroporto San Francesco d’Assisi alla volta di Oslo per partecipare a due tavole rotonde, tenere il suo discorso, e rientrare in serata a Perugia.  Ho avuto l’onore e il piacere, di accompagnarlo ad Oslo e di ascoltare il suo intervento in una sala gremita di oltre 1200 persone, tra cui 160 C.E.O. di aziende multinazionali provenienti da tutto il mondo. Durante il viaggio sono venuto a conoscenza dell’uscita del suo ultimo libro “Confronting Capitalism: real solutions for a troubled economic system”, appena pubblicato da AMACOM (American Management Association). Il prof. Kotler ha poi suggerito ad AMACOM di utilizzare la mia collaborazione per la ricerca di un editore per la traduzione in lingua italiana che viene, finalmente, presentata in anteprima nazionale a Perugia il prossimo 9 giugno.

Tutti conoscono Philip Kotler come il “padre del marketing”, ma non molti sanno che ancor prima d’essere il fondatore di questa importantissima disciplina Kotler è un valente economista. Ha infatti conseguito un Master in Economia all’Università di Chicago con il premio Nobel 1976 Milton Friedman ed il dottorato di ricerca al M.I.T. con altri due premi Nobel, Paul Samuelson (1970) e Robert Solow(1987).

Il presidente della Business for Peace Foundation aveva invitato Kotler a Oslo proprio dopo aver letto “Confronting Capitalism”, perché i contenuti del libro erano perfettamente in linea con l’obiettivo del summit che era quello di stimolare il mondo del business ad operare non solo per conseguire gli obiettivi di sviluppo e di redditività delle imprese, ma anche per la sostenibilità ambientale e il benessere della società. Il tema dell’intervento del professor Kotler è stato infatti: “Winning through Sustainability”.

“Credo che il capitalismo sia migliore di qualsiasi altro sistema economico, ma il capitalismo – scrive Kotler – ha un sacco di difetti” e nel suo libro ne identifica quattordici. Oltre a scavare in ogni grande problema e nelle sue ramificazioni, Kotler propone soluzioni praticabili, gestibili, cambiamenti sostenibili che contribuiscano a migliorare le prestazioni del capitalismo e conferire più benefici a più persone.

Le 14 lacune principali del capitalismo individuate da Kotler sono:
1. Propone poche o nessuna soluzione per risolvere il problema della povertà;
2. Genera un crescente livello di sviluppo e di benessere non omogeneo;
3. Non riconosce un salario minimo garantito a milioni di lavoratori;
4. Non riesce a creare sufficienti posti di lavoro di fronte alla crescente automazione;
5. Non fa pagare alle imprese tutti i costi sociali delle loro attività;
6. Distrugge risorse ambientali e naturali in assenza di regolamenti;
7. Crea cicli economici provocando instabilità;
8. Enfatizza l’individualismo e l’interesse del singolo a spese della comunità e del bene comune;
9. Incoraggia un alto indebitamento dei consumatori e porta a un’economia guidata dalla finanza piuttosto che dall’economia produttiva;
10. Permette ai politici e agli interessi imprenditoriali di collaborare per sovvertire gli interessi economici della maggioranza dei cittadini;
11. Favorisce una pianificazione dei profitti a breve termine piuttosto che piani di investimento a lungo termine;
12. Dovrebbe avere regolamenti più rigidi riguardanti la qualità dei prodotti, la sicurezza, la trasparenza nella pubblicità e i comportamenti anticompetitivi;
13. Tende a concentrarsi in maniera rigida sullo sviluppo del Pil;
14. Deve introdurre i valori sociali e di felicità delle persone nell’equazione del mercato.

 “Ripensare il Capitalismo” (questo è il titolo con il quale il libro esce in Italia per le edizioni Hoepli) non è solo un libro di economia per addetti ai lavori (imprenditori, manager, politici,docenti e studenti di economia) ma si rivolge ad un target più ampio, che include anche gli studenti di altre discipline e tutte le persone che intendono avvicinarsi a questa materia, presentandosi con il suo contenuto pratico come lo strumento giusto per godere e comprendere concretamente l’economia e, come cittadini, di sviluppare un reale pensiero su capitalismo.  L’edizione in lingua italiana del libro uscirà in libreria il prossimo 10 giugno, con l’introduzione di Brunello Cucinelli e la prefazione di Oscar Farinetti, che dopo la lettura del testo, hanno accettato con entusiasmo di fornire un breve saggio introduttivo.

Il giorno prima, al Teatro Cucinelli di Solomeo, vi sarà l’anteprima nazionale, con il prof. Kotler collegato in videoconferenza dalla Notre Dame University in Indiana, curata da Nexo Corporation S.r.l., la società di Corciano che il 15 maggio 2015 aveva organizzato il Philip Kotler Marketing Forum 2015 a Milano nell’aula magna dell’Università Bicocca.

 

La presentazione in anteprima il 9 giugno a Solomeo del libro di Kotler

Giovedì 9 giugno alle ore 15.30 Hoepli editore e Nexo Corporation, azienda perugina esperta di internazionalizzazione, presentano in anteprima nazionale al pubblico e alla stampa il nuovo volume di Philip Kotler, Ripensare il capitalismo (Hoepli)  nella prestigiosa sede del teatro Cucinelli di Solomeo (Perugia). Ad aprire l’evento Marco Raspati, ceo di Nexo Corporation.

A seguire una tavola rotonda a cui partecipano:

il prof. Kotler, in videoconferenza dall’University of Notre Dame (Indiana);
Brunello Cucinelli, celebre in tutto il mondo per il suo capitalismo umanista, imprenditore, filantropo e fondatore dell’omonima azienda;
Oscar Farinetti, imprenditore e inventore di Eataly, che testimonia l’eccellenza italiana nel settore enogastronomico;
Pier Paolo Baretta, sottosegretario al ministero dell’Economia e delle finanze;
Giuseppe Morici, president Region Europe Barilla;
Anna Rita Fioroni, presidente dell’Università dei sapori;
Luca Ferrucci, professore di Economia e gestione delle imprese all’Università di Perugia,
e altre importanti figure del mondo economico e accademico italiano.

I partecipanti si confronteranno sui contenuti del libro, trattando temi che vanno dallo sviluppo e redditività delle imprese alla sostenibilità ambientale e il benessere della società. Modera la serata Monia Venturini, giornalista Rai.

AUTORE: Alberto Mossone

LASCIA UN COMMENTO