Il Punto – Carcerati: legge applicata a metà

Tempo di lettura: 108 secondi

In occasione del “giubileo dei carcerati”, il Papa ha suggerito ai governanti un provvedimento di clemenza in favore dei detenuti che se lo meritino. Una espressione, direi, piuttosto generica e probabilmente non riferita direttamente al caso italiano. Che cosa intendo per “caso italiano”? Sulla carta, la legge sull’ordinamento carcerario, proposta nel 1975 dal deputato cattolico (ma non democristiano) Gozzini è una delle più avanzate del mondo. Si può dividere in due parti. La prima riguarda la vita dei detenuti e spiega molto bene come debbano essere garantiti i loro diritti, la loro dignità e quella che si usa chiamare la loro rieducazione, attraverso il lavoro, lo studio, il reinserimento nella vita sociale.

La seconda parte riguarda i meccanismi premiali, ossia i progressivi sconti di pena e benefici vari (permessi premio, ammissione a misure alternative alla detenzione, eccetera) per i detenuti che si mostrano ben orientati sulla strada del reinserimento. Sia nella prima che nella seconda parte la legge è ispirata ai princìpi umanitari, e in linea con il precetto costituzionale per cui la pena deve tendere alla rieducazione del reo. Benissimo. Ma c’è un problema. In concreto, la legge Gozzini è applicata puntualmente (secondo alcuni sin troppo) nella sua seconda parte, quella degli sconti di pena; tanto che per le condanne sino a tre-quattro anni in pratica non si sconta neanche un giorno e per le altre la durata effettiva si riduce circa alla metà.

Senza contare che già in partenza le sentenze di condanna – quando ci si arriva – sono assai blande. La prima parte, quella che riguarda le condizioni di vita del detenuto e i suoi diritti, è un cimitero di promesse non mantenute, a cominciare dalla piaga del sovraffollamento delle celle; il che fra l’altro non è un buon modo per insegnare il valore della legalità. Il fatto è che concedere uno sconto di pena non costa nulla; garantire una vita dignitosa a chi sta dentro costa tanto. Così ci si scontra con l’eterno problema italiano del deficit, del debito pubblico, dei mille doveri dello stato sociale e delle risorse che non bastano mai. Ma rinunciare a punire i delitti perché non si hanno i soldi per farlo non è una soluzione.

 

AUTORE: Pier Giorgio Lignani

LASCIA UN COMMENTO