La presunta democrazia del “Movimento”

Tempo di lettura: 81 secondi

Che ci fa in giro per l’Europa Steve Bannon, il corpulento stratega della campagna elettorale di Donald Trump, che poi lo stesso Presidente sovranista ha quasi subito giubilato dopo essere entrato alla Casa Bianca? La risposta l’ha data lo stesso Bannon al Corriere della Sera: “L’Italia è il centro dell’universo politico”, afferma l’esponente di quello che sta passando alla storia come The Movement , il Movimento, l’ondata politica internazionale che fa riferimento ai valori tipici del populismo e del sovranismo.

Bannon, nella stessa intervista al Corriere della sera, esprime giudizi entusiastici su Lega e Cinquestelle, e annuncia che si metterà a disposizione di questi partiti in occasione delle prossime elezioni europee. In che modo? È sempre Bannon a chiarire: “Io posso produrre analisi dei dati che individuano dove si trovano gli elettori, per farli andare al voto”. Analisi dei dati, ecco il “tesoro” di Bannon (insieme a un bel po’ di soldi che – spiega – gli arriveranno da alcuni finanziatori privati).

La sua intervista è uscita il giorno dopo la manifestazione dei cinquestelle a Roma, in cui è tornato a parlare in pubblico il co-fondatore del Movimento (che coincidenza…) , quel Beppe Grillo che, fuori dal suo fortunato blog su internet, ha giocato ancora una volta sulla doppia identità di comico, libero di sbertucciare chiunque, e di ‘guru’ neanche troppo criptico, che detta la linea a una comunità politica che, dopo anni di opposizione feroce, è arrivata a governare il Paese.

Grillo, nel suo intervento alla kermesse M5s, ha lanciato un attacco durissimo al Capo dello Stato (continua a leggere sull’edizione digitale de La Voce, basta registrarsi).

Daris Giancarlini

LASCIA UN COMMENTO