Le “Piccole Ancelle” di Scheggia

Anche le Suore che gestiscono la scuola materna del paese festeggeranno il centenario del loro fondatore mons. Liviero a Città di Castello

Tempo di lettura: 105 secondi

L'Asilo di Scheggia
L’Asilo e Casa delle “Piccole Ancelle” a Scheggia

Festeggia il centenario della loro fondazione anche la comunità delle suore Piccole Ancelle del Sacro Cuore presenti nella parrocchia di Scheggia fin dal 1927.

La superiora suor Natalina e le consorelle suor Marcella e suor Caterina hanno invitato tutti a partecipare alle celebrazioni che si terranno l’8 e il 9 agosto nel duomo di Città di Castello, dove la congregazione mosse i primi passi sotto la guida del vescovo mons. Carlo Liviero.

Anche da Scheggia un gruppo di paesani parteciperà sabato 8 agosto alla veglia di preghiera sul tema “E voi continuate”, pensata in particolare per i giovani (alle ore 21), presso l’Orto della cera a Città di Castello (in piazza Servi di Maria), e alla solenne concelebrazione eucaristica del 9 mattina, in cattedrale.

Le Piccole Ancelle con la loro presenza in paese hanno accompagnato generazioni di famiglie. Generazioni di bambini hanno frequentato la scuola materna istituita, ed ancor oggi sostenuta, dalla parrocchia e dal Comune, e gestita dalle suore.

La Congregazione ha finora garantito la loro presenza a Scheggia proprio per consentire il proseguimento di un servizio prezioso ma non c’è certezza che sarà così anche per gli anni a venire, ha detto suor Natalina. Anche la scuola materna di Scheggia, infatti, soffre le difficoltà di tante altre scuole rette da congregazioni che non hanno più vocazioni tali da garantire le opere esistenti, e gli scarsi o nulli aiuti dello Stato (il Comune fa la sua parte) non consentono programmi a lungo termine.

Già da diversi anni le suore sono affiancate da collaboratrici laiche per l’insegnamento e per la cucina che garantisce i pasti ai bambini. Il prossimo anno riprenderà nella sede storica dopo un anno passato “in trasferta” per consentire lavori di manutenzione dell’edificio non più rinviabili.

Le tre suore, la maestra Debora e la cuoca Beatrice, accoglieranno i circa venti / venticinque bambini (le iscrizioni sono ancora in corso) che frequenteranno la materna. La presenza delle suore a Scheggia è, però, anche una presenza di aiuto pastorale per la parrocchia, dalla animazione della messa alla catechesi.

AUTORE: Maria Rita Valli

LASCIA UN COMMENTO