“Neos Kosmos”: dedicata a don Giuseppe Cavaterra la nuova social house

Caritas Foligno

Tempo di lettura: 89 secondi

Il taglio del nastro
Il taglio del nastro

“Una cerimonia davvero bella, sobria e suggestiva, ricca di emozioni ed umanità, un ritorno dove il ricordo di zio Cavaterra mi ha avvolto senza posa”. Così lo ha ricordato in un post, seguìto alla giornata inaugurale dello scorso 2 maggio, chi ha conosciuto da vicino “zio Cavaterra”, per tutti don Giuseppe, dedicatario della nuova casa di accoglienza (“Neos Kosmos Social House”, “Nuovo Mondo” in italiano) aperta dalla Caritas di Foligno in via Barbati, per molti anni abitazione del parroco folignate.

È dolce il ricordo in chi ce lo racconta, lesto nel passare dalle ripetizioni gratuite di greco alla cantina del contadino a battere il torchio, con un fucile spezzato sempre appuntato sulla sua giacca da sacerdote. Un binomio, quello del progetto afferente alla casa e della figura di don Giuseppe, niente affatto casuale. Sì perché la social house – contestualmente a quella di Serrone il cui taglio del nastro è in agenda per il 9 maggio alle ore 18 – non è solo destinata a chi non ha più un tetto da chiamare “casa” ma anche ai giovani italiani che affiancheranno i bisognosi, oltre ai ragazzi che, dall’estero, passeranno un periodo formativo a Foligno per imparare un mestiere o iscriversi all’università.

“È da qui che nasce L’Arca del Mediterraneo” – ha commentato Mauro Masciotti, direttore della Caritas – perché la cultura vissuta nella gratuità, sull’onda di don Giuseppe, possa essere uno strumento per accompagnare i giovani nella vita”. “Esulto sempre quando una casa torna ad essere abitata”, ha esordito il vescovo Sigismondi nell’inaugurare la struttura e confessando l’avverarsi di un sogno. Una gioia che non sarebbe stata possibile senza il contributo, importante e continuato, della Fondazione Carifo. La casa è divisa in due appartamenti, rispettivamente per uomini e per donne.

AUTORE: F. B.

LASCIA UN COMMENTO