PIOSINA. I diritti del lavoro e dell’ambiente

Tempo di lettura: 114 secondi

Sabato 10 marzo sono stati celebrati i 70 anni di attività del circolo Acli di Piosina. Riprendiamo quanto anticipato lo scorso numero per ricordare che la cerimonia, sobria e sentita, ha avuto inizio con l’apertura della mostra fotografica realizzata dalle Acli provinciali di Perugia sull’enciclica ecologica di Papa Francesco Laudato si’ e con la successiva tavola rotonda.

Il convegno è stato presieduto dal presidente delle Acli Alto Tevere, Rodolfo Braccalenti; se è vero che le Acli fondano le loro origini sulle encicliche (quali la Rerum novarum, la Singulari quadam e la Quadragesimo anno),per i 70 anni delle Acli di Piosina era doveroso un approfondimento sull’enciclica di Papa Bergoglio ponendo l’attenzione al pianeta Terra che è la nostra casa comune; obbligo dei cristiani custodirla con cura per consegnarla alle generazioni future.

Mons. Domenico Cancian ha dato lettura di alcuni passi importanti dell’enciclica e ha sottolineato che Francesco richiama tutti alla responsabilità delle scelte anche quotidiane perché ci sia il massimo del rispetto del creato. Il vice direttore della Caritas diocesana Pierluigi Bruschi ha messo in evidenza il rispetto socio-ambientale, in particolare nel mondo del lavoro, e le scelte politiche per la tutela e prevenzione del- l’ambiente che, se errate, hanno ripercussioni sulla collettività con impatto a larga scala.

Il sindaco Luciano Bacchetta ha evidenziato che un’Amministrazione comunale, per parte propria, può attivare misure di rispetto per l’ambiente come l’ottimizzazione della raccolta differenziata, piani edilizi urbanistici con il risanamento e restauro conservativo, costruire piccole e medie strutture abitative e centri di aggregazione anche intergenerazionali per favorire le relazioni tra persone.

Il vice presidente nazionale delle Acli, Emiliano Manfredonia, ha ricordato che l’associazione cerca di sviluppare il concetto di “ecologia integrale”, che riguarda le relazioni fondamentali della persona: con sé stessa, con gli altri esseri umani e con il creato, nelle attività di vita associativa dei propri circoli.

Dopo la messa presieduta dal Vescovo c’è stata la cerimonia d’intitolazione del circolo al parroco fondatore don Pietro Bartoccioni. Il presidente del circolo di Piosina Fabrizio Luchetti ha messo in evidenza la sana coesione tra tutti e il grande supporto dei giovani: prerequisiti fondamentali per il rilancio delle Acli a Piosina, presentando un ricco programma di attività e progetti futuri sotto la guida spirituale del parroco don Giorgio Mariotti.

LASCIA UN COMMENTO