POLITICA. Dopo l’incarico a Giuseppe Conte

Tempo di lettura: 97 secondi

di Daris Giancarlini

La ricreazione (la campagna elettorale…) è finita, per chi ha vinto e per chi ha perso le elezioni del 4 marzo. Chi si è assunto la responsabilità di governare deve dismettere il linguaggio della demagogia e della propaganda per affrontare i problemi concreti, reali, di quel popolo-gente-cittadini (nessuno, a destra e a sinistra, ha mai parlato di ‘persone’, in campagna elettorale) che tutti, prima del voto, hanno detto di voler tutelare. E chi è stato spinto, dall’esito negativo delle urne, a esercitare il ruolo di opposizione deve mettersi di buzzo buono per esercitare con coscienza sia la funzione di controllo sugli atti della Governo, sia quella di una proposta politica che disegni scenari futuri di alternativa. Tutto questo dovrebbe succedere, in un Paese ‘normale’.

Ma, considerati i primi atti ed eventi politici da quando è in carica il Governo sostenuto da cinquestelle e Lega, tutto questo non sembra stia succedendo.

Partiamo dal primo atto formale con valore politicamente simbolico, che lo scambio della campanella tra il presidente del Consiglio uscente, Gentiloni, e quello subentrante, Conte. In questa occasione è successa una cosa mai vista prima nella storia della Repubblica: al momento della foto di rito, infatti, il nuovo premier ha chiamato al suo fianco Salvini e Di Maio. Per chiarire (ove mai ce ne fosse bisogno) che questo premier, fino a ieri sconosciuto ai più, sarà sempre ‘affiancato’ da chi lo considera apertis verbis un semplice esecutore del cosiddetto contratto di maggioranza.

Poi arrivano le affermazioni del ministro Lorenzo Fontana, leghista, su unioni arcobaleno e unioni civili. Un tema enorme, delicatissimo: come pensare che, al secondo giorno di lavoro al ministero, il nuovo titolare del dicastero della famiglia possa aver maturato già delle convinzioni? Non così granitiche, queste convinzioni, se poi lo stesso Fontana, al richiamo del capo del suo partito (“Questi temi non sono nel contratto” ha detto Salvini), è tornato prudentemente sui suoi passi.

Continua a leggere gratuitamente sull’edizione digitale de La Voce.

LASCIA UN COMMENTO