Progetto agricolo, bio e sociale, promosso dalla Caritas

Tempo di lettura: 158 secondi

Nella diocesi di Città di Castello sono stati realizzati diversi progetti grazie ai fondi dell’8 x mille, sia per quanto riguarda l’edilizia di culto sia per quanto riguarda le opere di carità. In questo senso ci piace sottolineare un progetto promosso dalla Caritas diocesana per la realizzazione di una cooperativa sociale in ambito agricolo denominato “Valori in campo”. L’azienda agricola “Le Cascine” gestita dalla cooperativa sociale “L’albero di Zaccheo” opera in ambito biologico dal 2015 attraverso la coltivazione e la vendita di piantine e ortaggi “bio”.

Il progetto, grazie appunto all’importante contributo derivante dai fondi 8 x mille, è già avviato, e consiste principalmente in una prima fase nella promozione di una cooperativa agricola per il reinserimento lavorativo di persone inoccupate o sottoccupate, presso un terreno concesso in comodato gratuito dalla Fondazione per l’istruzione agraria di Città di Castello. Nelle adiacenze del terreno sono presenti due fabbricati rurali, destinati agli stessi lavoratori occupati nell’attività della cooperativa e alle proprie famiglie.

Il progetto prevede anche la realizzazione di incontri di informazione e sensibilizzazione nelle scuole sui temi della campagna “Cibo per tutti”.

“Valori in campo” ha favorito l’inserimento lavorativo di svantaggiati, di persone che cercano un nuovo percorso di vita, di famiglie in difficoltà economica e lavorativa, e av- valendosi dell’esperienza in corso presso l’azienda stessa, sono stati attivati corsi di formazione, nel settore agricolo biologico, utilizzando docenti con esperienze particolari sul settore e con la collaborazione dell’Aiab (Associazione italiana agricoltori biologici). L’intento di questa iniziativa è di far riscoprire a giovani e meno giovani il valore della terra, sia per le potenziali opportunità lavorative che per il recupero dell’ambiente e della cultura del cibo sano.

La seconda fase riguarda il potenziamento e la diversificazione dell’attività agricola a seguito dell’acquisizione in affitto, di un ulteriore ettaro di terreno, prevedendo l’installazione di altri due tunnel serra ed i mezzi agricoli necessari.

Il rafforzamento del carattere sociale di questa azienda e il previsto potenziamento produttivo hanno indotto l’Amministrazione comunale di San Giustino, nel cui Comune è ubicato il terreno della cooperativa sociale, a mostrare interesse per possibili collegamenti con proprie iniziative sociali, nonché a sostenere il progetto anche con un eventuale conferimento di una ulteriore area di proprietà comunale, se questa risultasse idonea allo scopo.

Attualmente la cooperativa usufruisce della collaborazione di 5 persone e opera in 3 ettari di terreno con 3 appartamenti a disposizione. La produzione naturale da seme biologico garantisce prodotti genuini, la filiera corta permette la riduzione di spreco e inquinamento, il fondamento etico e solidale promuove e favorisce una cultura inclusiva all’interno del mondo del lavoro. Ci sembra un buon modo per coniugare una riscoperta di una sana attività agricola, troppo presto abbandonata, e dare una nuova possibilità a persone che hanno vissuto un’esperienza dolorosa e cercano di ritrovare il proprio percorso di vita. Il contributo dei fondi dall’8 x mille è risultato indispensabile per realizzare tale progetto; grazie alle firme di tutti noi, possono continuare a essere finanziate iniziative solidali, culturali e pastorali di cui il nostro tempo ne ha tanto bisogno. Il progetto è illustrato anche sul sito www.8xmille.it/progetto-valori-incampo.

 

AUTORE: Giuseppe Floridi, diacono, incaricato Sovvenire per la diocesi di Città di Castello

LASCIA UN COMMENTO