Prostituirsi non è mai una scelta

Tempo di lettura: 131 secondi

“Stupro a pagamento”: è così che Rachel Moran, giornalista e attivista irlandese, usa chiamare la prostituzione ed è così che ha intitolato il suo ultimo libro. Le prostitute sono invece da lei chiamate “prostituite” e i loro clienti “prostitutori”. Perchè anche le parole, che hanno il loro peso, vadano a definire meglio il concetto di cui Moran è portavoce: la prostituzione non è altro che espressione di supremazia e sfruttamento da parte dell’uomo nei confonti della donna.

Approdata a Perugia lo scorso 26 maggio, la giornalista ha raccontato la sua storia e il suo lavoro al pubblico del centro Shalom in via Quieta, dove si è tenuto l’incontro. Grazie a Lista civica italiana è stato infatti organizzato un tour che ha portato Rachel Moran a toccare diverse città italiane fra cui anche il capoluogo umbro, dove a fare da partner all’evento è stata la parrocchia di Santo Spirito insieme all’associazione Papa Giovanni XXIII e al Movimento adulti scout cattolici italiani (Masci).

L’ardore con cui Rachel Moran si batte contro la prostituzione deriva da una drammatica storia personale che l’ha portata a provare in prima persona gli effetti devastanti del fenomeno, raccontati sia nel libro che nel corso dell’incontro perugino. Nata a Dublino da due genitori affetti da gravi disturbi psichici, all’età di 14 anni fugge da una situazione familiare diventata per lei troppo caotica e insostenibile. “Ho chiesto aiuto ai servizi sociali locali, ma negli anni Novanta il settore sociale irlandese non erano ancora in grado di sostenere situazioni così delicate. Noi ragazzi eravamo sbattuti da un ostello all’altro, così dopo poco me ne sono andata” ha raccontato Moran.

A 15 anni, senza casa nè denaro, Rachel conosce un ragazzo ventenne di cui si innamora e che la convince a far fortuna prostituendosi: “Di sicuro era una fortuna per lui visto che prendeva il 95% di quello che guadagnavo”. Dopo pochi mesi lei e il suo fidanzato/sfruttatore si lasciano, ma è ormai entrata a far parte di un giro da cui difficilmente si esce: “Mi considero molto fortunata per esser riuscita a cambiare vita, visto che di solito chi entra in questo mondo in giovanissima età non ne esce più, perchè crede di non poter fare nient’altro per vivere. Io invece ne sono uscita e anche da giovane, a 22 anni, in modo tale da esser stata poi in grado di ricostruire la mia vita, a partire dalla carriera scolastica”.

Rachel infatti un giorno decide da sola di non tornare più sulla strada, mossa dall’amore per suo figlio di 4 anni che stava per cominciare la scuola.

Continua a leggere la storia di Rachel sull’edizione digitale de La Voce.

AUTORE: Valentina Russo

LASCIA UN COMMENTO