Regionali: spunta la candidata di M5s mentre Ricci corre “da solo”

Tempo di lettura: 115 secondi

claudio-ricci-campagna-elettorale-regioneDopo Catiuscia Marini, alla guida del centrosinistra, ora un’altra donna punta a palazzo Donini: è Laura Alunni, candidata alla presidenza della Regione dal Movimento 5 stelle. La scelta è avvenuta attraverso la votazione online degli iscritti. E per il centrodestra? Si aspetta, si tergiversa, e il tempo passa. In sostanza, si attendono le indicazioni da Roma, come al solito. Ma la situazione a lungo andare si sta ingarbugliando un po’.

La candidatura del sindaco di Assisi, Claudio Ricci, non sta entusiasmando l’apparato di Forza Italia. L’opzione delle primarie nel centrodestra si è rivelata sostanzialmente impossibile da portare avanti. Ricci, a capo delle sue tre liste civiche, con il suo movimento “Noi per il cambiamento” invece va avanti. In questo momento in cui non c’è una proposta immediata del centrodestra, il Sindaco di Assisi sta portando avanti la sua campagna elettorale che punta proprio sulla trasversalità per intercettare il maggior numero di voti.

Intanto ha già ottenuto i consensi dei consiglieri regionali Massimo Monni e Massimo Mantovani, vicini ad Angelino Alfano, ma anche dell’ex leghista Gianluca Cirignoni. E prosegue nella sua linea, articolata in incontri pubblici, con il coinvolgimento di amministratori comunali e la volontà di creare 100 Comitati territoriali. Lo stallo del centrodestra sembra favorirlo, perché Ricci comunque rappresenta un candidato moderato e può catturare i voti degli scontenti, anche fuori dal proprio ‘mondo’. È indubbio che il centrodestra, lacerato dalle scelte nazionali, trovi difficile convergere su un nome come quello di Ricci che sembra non voler rispondere – per sua scelta – a decisioni delle Segreterie nazionali (o di quel che ne resta).

Ora un’altra voce a favore si è aggiunta alla candidatura di Ricci: è quella del leader della Lega nord, Matteo Salvini, che avrebbe espresso apertamente il suo appoggio. Che succederà? Le candidature, quando vengono scelte a livello nazionale, rispondono spesso a un ‘gioco a scacchi’ che poco a che fare con la realtà da governare.

I nomi dei candidati del centrodestra, alternativi a Ricci, restano quelli di Raffaele Nevi di Forza Italia e Marco Squarta per Fratelli d’Italia. Altri presunti presidenti durano lo spazio di un mattino. Se il centrodestra virasse un po’ compatto su Ricci, forse, per la prima volta, ci potrebbe essere una sfida, vera, tra destra e sinistra. Resta da vedere se nel centrodestra c’è interesse a provare a vincere.

AUTORE: Emilio Querini

1 COMMENT

  1. Non conosco il sindaco Ricci candidato extrapartito alla Presidenza della regione umbria ma se si apparenta a Matteo Salvini, capo della lega nord, mi sovviene il proverbio: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei, con tutto il rispetto per il sindaco od ex di Assisi.

LASCIA UN COMMENTO