Se apprezzi il nostro lavoro Ti chiediamo di sostenerci abbonandoti a La Voce.


Le routes nei territori della Valnerina colpita dal terremoto

Scout in Umbria da tutta Italia: da dove vengono i Clan di “Tra Terra e Cielo”


Scout_foto-di-Martino-Poda

E il Veneto la regione più rappresentata tra i Clan che parteciperanno alle Routes di “Tra Terra e Cielo” sui sentieri della Valnerina colpita dal terremoto. La proposta dell’Agesci Umbria, pensata per lasciare un segno concreto di aiuto e sostegno continuativo sui luoghi del sisma, contribuendo a riscoprire la bellezza dell’Umbria, coinvolgerà 85 Comunità Rover/Scolte da tutta Italia.

Di queste 20 vengono appunto dal Veneto, a cominciare dal Clan del Valdalpone 1 che partirà il 15 luglio (Route 3a Norcia-Preci) seguito dal Resana 1 e Vicenza 12 che partiranno il 22 luglio rispettivamente per le Route 4a Cascia-Norcia e 2a Spoleto-Monteleone. A seguire la Puglia con 12 Clan partecipanti, poi il Lazio con 8 e Lombardia e Umbria con 7. Saranno invece 6 i Clan dell’Emilia Romagna mentre 4 verranno da Toscana e Calabria, 3 da Campania, Piemonte e Friuli, 2 da Abruzzo, Sicilia e Liguria. Infine 1 Clan da Marche e Sardegna.

I primi a partire il 15 luglio, oltre ai veneti del Valdalpone, saranno i laziali del Pavona 1 (Route 1a Spoleto-Cerreto), i pugliesi del Sava 1 (Route 1b Cerreto-Spoleto), i calabresi del Cassano 1 (Route 3b Preci-Norcia) e i liguri del Genova 48 (Route 4a Cascia-Norcia). In totale 1094 Rover/Scolte e 229 Capi dal 15 luglio al 9 settembre lungo 10 percorsi in attività di servizio, animazione alle popolazioni, pulizia del verde e lavori di manutenzione in tre basi scout e non solo, a Monteluco di Spoleto, Piedipaterno di Vallo di Nera e Maltignano di Cascia.

I borghi attraversati permetteranno agli scout di riscoprire storia, natura e tradizione della Valnerina. Sono invece 13 i punti notte dove gli scout monteranno le tende per dormire: Campi di Norcia, Cascia, Cerreto di Spoleto, Collegiacone, Maltignano, Monteleone di Spoleto, Monteluco, Norcia, Poggiodomo, Preci, Scheggino, Spoleto, Vallo di Nera. Lungo il cammino gli scout potranno vivere incontri e testimonianze spirituali con eremiti della Valnerina, monaci benedettini di Norcia, suore agostiniane di Cascia e frati francescani di Spoleto.

“Sporcarsi le mani per lasciare un segno” è l’obiettivo della proposta “Tra Terra e Cielo” nel solco di quella chiamata “Francesco vai!” che nel terremoto del 1997-98 portò centinaia di scout in Umbria-Marche durante l’emergenza e nella fase di post-assistenza.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

I tag HTML non sono ammessi