Un manifesto e un programma per “una buona politica”

Presentato il documento che farà da base di partenza per “Todi 2”, nel prossimo ottobre: un manifesto e un volume che raccoglie “contributi per un programma di buona politica”

Tempo di lettura: 143 secondi

Con un programma politico per un partito che voglia presentarsi alle prossime elezioni, ma un “approccio culturale nuovo che parta da valori condivisi”, per “costruire una visione della politica che abbia un orizzonte di medio-lungo periodo”. Così Natale Forlani, portavoce del Forum delle persone e associazioni d’ispirazione cristiana nel mondo del lavoro (www.forumlab.org), organismo promotore del seminario tenutosi lo scorso ottobre a Todi, ha presentato a Roma il manifesto “La buona politica per tornare a crescere” , frutto di sei mesi di lavoro delle 7 sigle aderenti al Forum (Cisl, Confartigianato, Mcl, Acli, Confcooperative, Coldiretti e Compagnia delle opere). Assieme al manifesto, gli atti del seminario e un volume che raccoglie “Contributi per un programma di buona politica” .
Tutto è partito da quell’appuntamento a Todi, il 17 ottobre 2011. Già allora “avevamo la convinzione – ha affermato il portavoce del Forum – che insieme alla crisi economica si fosse aperta un’esigenza di cambiamento” nella politica italiana, dove non poteva mancare “il contributo dei corpi intermedi del mondo cattolico”. “Parlavamo di fine di un ciclo”, di “ripensare la politica”, evocando una “fase di transizione”. L’elaborazione culturale è approdata oggi al Manifesto e al volume, ma non intende fermarsi.
“La politica s’è persa perché ha perso le proprie cornici di senso”, ha argomentato il sociologo Mauro Magatti presentando i 31 saggi che compongono il volume. Un’opera per invitare alla riflessione, dal momento che, “al di là di Twitter, serve un pensiero”, ha puntualizzato il sociologo, evidenziando il “radicamento antico e profondo” del sentire cristiano. Un richiamo alle radici del Paese per guardare avanti, consapevoli che “dalla crisi si esce solo innovando, non è possibile tornare a una situazione precedente al 2008”.

“Siamo a un bivio, un passo indietro sarebbe verso il baratro”, ha rimarcato Sergio Marini, presidente della Coldiretti, enunciando come il manifesto – al quale singoli e associazioni possono aderire, via web o recandosi presso i Forum regionali – sia “la base di partenza per ‘Todi 2’, che vogliamo organizzare, sempre a Todi, il prossimo ottobre”. Nel frattempo, l’appuntamento è il 25 giugno a Montecassino per “un’iniziativa relativa all’impegno che vogliamo prestare per la costruzione degli Stati Uniti d’Europa”.
L’opera del Forum non intende confluire in un partito, o crearne uno. Piuttosto, in questo modo l’associazionismo cattolico mette “in moto una disponibilità di risorse nel Paese a cui può attingere chi vuol riformare l’offerta politica”, ha evidenziato il presidente delle Acli, Andrea Olivero. Il vero problema, oggi, è la legge elettorale, ha rimarcato Paolo Mezzio, segretario confederale della Cisl, segnalando l’esigenza di “ridare protagonismo e cittadinanza agli elettori”.

C’è anche la firma del presidente del Forum delle famiglie dell’Umbria, Simone Pillon, nei Contrinuti che accompagnano il manifesto. Pillon, ha curato il paragrafo La famiglia, un bene fondamentale per la comunità, e, insieme al presidente nazionale del Forum delle famiglie Belletti, quello dedicato alle “Politiche familiari come motore di sviluppo”.

AUTORE: Maria Rita Valli

LASCIA UN COMMENTO