Alleanza oratori-scuola

Tempo di lettura: 105 secondi

I relatori di uno degli incontri dell'H2O
I relatori di uno degli incontri dell’H2O

L’H20, dal tema “LabOratori di comunità”, era il secondo Happening organizzato dal Forum degli oratori italiani (Foi), dopo una prima edizione nelle diocesi di Bergamo e Brescia nel 2012, e un incontro per i responsabili a Loreto nel 2013. Hanno partecipato 65 diocesi da tutta Italia e oltre 40 realtà associative che si occupano a tempo pieno della pastorale oratoriana, insieme ai rappresentanti degli uffici della Pastorale giovanile, a cominciare da quello nazionale presso la Cei.

Nel corso dei quattro giorni ad Assisi, i gruppi si sono confrontati in workshop, incontri, momenti di festa e di preghiera. Venerdì 5 settembre, ad esempio, i vari gruppi hanno sperimentato vere “occasioni di comunità”, raggiungendo le 7 diocesi umbre con la guida dei futuri sacerdoti del Seminario regionale umbro.

Gli oltre 1.500 giovani presenti hanno poi potuto ascoltare gli interventi di relatori nazionali e internazionali, come suor Sara Donata delle Clarisse di Sant’Agnese; padre Charly Olivero, missionario argentino, che opera presso la fondazione dell’Hogar de Cristo, e il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini. “Mi piace molto – ha sottolineato il ministro nel suo intervento – parlare di alleanza educativa tra oratori e scuola, perché la nostra visione della scuola è che essa sia uno spazio non solo fisico, uno spazio dello spirito. Non è soltanto importante il momento della lezione frontale, ma anche il sistema di relazioni che si costruisce dentro e fuori dalla classe. L’oratorio fa proprio questo”.

Un’idea, questa, ribadita anche da mons. Paolo Giulietti, neo-vescovo ausiliare di Perugia. “L’educazione di un ragazzo – ha sottolineato – si realizza pienamente solo quando c’è una comunità cristiana che se ne fa carico. L’oratorio non è autosufficiente, ma deve rappresentare il collante con le altre realtà parrocchiali, con le istituzioni del territorio a favore dei più giovani e attraverso il loro linguaggio”.

“Tutta l’Italia – ha poi aggiunto don Michele Falabretti, responsabile del Servizio di pastorale giovanile della Cei – ‘sogna’ l’oratorio per accompagnare i piccoli nella loro crescita. È necessario, però, investire su questo strumento, il più forte ed efficace per la pastorale giovanile”.

AUTORE: L. L.