“Andiamo avanti insieme”

In chiusura dell'Assemblea diocesana, mons. Ceccobelli sprona i parroci e annuncia una lettera pastorale

Tempo di lettura: 120 secondi

L’assemblea diocesana è stata l’occasione per riunirsi, ascoltare, consultarsi, discutere. Ora sta a me indicare la strada, la direzione dove camminare ‘insieme”. Il vescovo mons. Mario Ceccobelli, insiste più volte sulla parola ‘insieme’ nel corso della celebrazione che, in cattedrale, ricordando la dedicazione ai santi Mariano e Giacomo, ha chiuso l’assemblea ecclesiale diocesana. Ha annunciato anche la sua prima lettera pastorale. ‘Chiesa che sei in Gubbio ‘ ha detto il Vescovo ‘ scrollati dalla tua tristezza, smettila di piangere! Cari fratelli, quante lamentele in questi mesi ho raccolto sulla nostra Chiesa, che sicuramente ha delle difficoltà, ma ricordiamoci che la Chiesa, come dice sant’Ambrogio, è ‘ostruita sulla pietra apostolica, e rimane sul suo fondamento incrollabile contro l’infuriare del mare in tempesta’ Quindi non piangere!’. Una esortazione lanciata a chiusura dell’Assemblea diocesana ed accompagnatra con l’indicazione del percorso da compiere nei prossimi mesi. ‘Dal lavoro dei vostri gruppi è emerso ‘ ha detto ‘ che una delle prime necessità è una maggiore comunione ecclesiale. Allora seguendo un consiglio di mons. Gualtiero Sigismondi, se il grande orizzonte è la Comunione, il piccolo passo è proprio quello della costituzione degli organismi di partecipazione che favoriscano questa Comunione’. Il Vescovo ha dunque esortato i parroci a costituire in ogni comunità il Consiglio pastorale parrocchiale e quello per gli affari economici. ‘Intanto, in questi mesi ‘ ha aggiunto ‘ io lavorerò alla mia prima lettera pastorale, che vi consegnerò il 27 novembre’ quando ogni ‘comunità parrocchiale, magari organizzata anche a livello zonale, comincerà a riflettere per trovare delle soluzioni concrete alle linee direttive che fornirò’. Ricordando poi che non esiste comunione se non c’è comunicazione, ha annunciato un foglio di collegamento, probabilmente mensile, inviato a tutte le parrocchie, per informare sugli avvenimenti, le iniziative, i programmi pastorali della diocesi. ‘Vorrei poi istituire ‘ ha detto ancora Ceccobelli ‘ due consulte a livello diocesano: una pastorale, che punterà a creare una migliore comunione tra gli uffici di curia; e una amministrativa con tutti gli amministratori degli enti diocesani’. Durante l’omelia, mons. Ceccobelli ha invitato tutti a camminare verso la santità, senza alcuna vergogna di essere discepoli e testimoni di Gesù. ‘Ritroviamo ‘ ha invitato ‘ la fierezza della nostra fede’. Ha poi ricordato San Giovanni da Lodi, eletto Vescovo di Gubbio nel 1104 e morto l’anno successivo, che la diocesi eugubina vuole onorare in modo particolare nel nono centenario della morte di colui che per primo capì la fede e il valore del giovane Ubaldo Baldassini.

AUTORE: Daniele Morini