Andrè prete a Kananga

ORDINAZIONE. La celebrazione avverrà nella cattedrale di Saint Clement per mano dell'arcivescovo mons. Mukeng'akalond

Tempo di lettura: 113 secondi

A Kananga, chiesa sorella presso la quale opera la missione diocesana, fervono i preparativi per l’ordinazione di un sacerdote africano, che da Terni torna nella sua terra per diventare presbitero. Il 7 agosto sarà la festa della comunità intera, che si animerà con i colori dei vestiti tipici dell’Africa, appositamente preparati per l’occasione, ma anche rallegrati dai canti e suoni tipici delle festose celebrazioni africane. Andrè Nkongolo Tshimanga è un giovane proveniente da Ntambue, diocesi di Kananga (Repubblica democratica del Congo), che, giunto a Terni, ha poi seguito il corso quinquennale di studi teologici presso il seminario regionale di Assisi, grazie al progetto di cooperazione tra le diocesi di Terni e Kananga. Nonostante le prevedibili difficoltà di adattamento ad una realtà diversa per cultura, lingua e tradizione, Andrè ha superato tutti gli iniziali ostacoli dando il meglio di sé e raggiungendo brillantemente la licenza in teologia. Un’esperienza che per Andrè ha richiesto certamente uno sforzo e adeguamento particolari, ma che è stata al tempo stesso un opportunità di convivenza arricchente sia per lui che per i compagni di seminario. Il legame di cooperazione tra la diocesi di Terni e l’Africa va avanti da diciassette anni e ha cominciato a dare i suoi frutti, prima con la laurea in medicina e la successiva specializzazione in malattie tropicali ad Anversa di suor Jacqueline, ed ora con l’ordinazione sacerdotale di Andrè. La cerimonia si terrà nella cattedrale di Saint Clement a Kananga per mano dell’arcivescovo mons. Mukeng’akalond. Grande è la soddisfazione della comunità diocesana ternana per questo traguardo raggiunto da un giovane della missione, anche se una punta di rammarico è data dal fatto che, le tante persone che hanno seguito Andrè in questi anni di formazione, i vescovi e sacerdoti di Terni, i rappresentanti del centro missionario, non potranno essere presenti per vari motivi all’ordinazione, pur rimanendo vicini ad Andrè con la loro preghiera. Ma da giovane sacerdote Andrè tornerà presto in Italia per completare gli studi seguendo un corso di specializzazione presso una delle università romane. Altra novità interessa la missione: è il ritorno nei prossimi giorni in Italia di don Edmund che concluderà il suo ministero pastorale in terra d’Africa dopo nove anni. Rimarranno invece a Ntambue don Sergio Vandini e don Leopold Sandor.

AUTORE: Elisabetta Lomoro