Bambini e animatori insieme per un’ importante momento di crescita

"Pinocchio è uno di noi" filo conduttore dell'Oratorio estivo dai 7 ai 12 anni

Tempo di lettura: 116 secondi

Interessanti e simpatiche iniziative si svolgeranno al Centro S. Michele di Bastia Umbra con l’arrivo della stagione estiva. Un ruolo importante è affidato all’ormai tradizionale oratorio estivo. Un “assaggio” di questo, l’abbiamo avuto nel mese di maggio: in effetti nei sabati pomeriggio sono stati impegnati circa sessanta bambini della 1a, 2a e 3a elementare. A questo proposito abbiamo intervistato la responsabile Claudia Ciacci. Claudia, se dovessi effettuare un resoconto dell’esperienza vissuta, cosa puoi dirci a riguardo? “Il gruppo dei bambini non è stato molto numeroso rispetto a quello estivo, quindi c’è stata la possibilità di parlare di più con loro, prestando più attenzione alle esigenze d’ognuno. L’oratorio, sia per gli animatori sia per i bambini, ha costituito un importante momento di crescita interiore. Gli animatori, da un lato, hanno reso un servizio alla comunità, dall’altro hanno imparato molto dal modo di fare dei bambini.” L’oratorio estivo inizierà lunedì 18 giugno e proseguirà sino al 30: che tema si svilupperà? “Pinocchio è uno di noi: è questo il tema che farà da filo conduttore e che coinvolgerà ragazzi dai sette ai dodici anni. Questa vuole essere un’esperienza educativa, comunitaria in cui i ragazzi imparano a conoscersi e rispettare attraverso il gioco, le attività pratiche e la preghiera. Le attività saranno svolte in gruppi di 15-20 bambini ciascuno; di mattina si faranno lavori manuali, di pomeriggio saranno sviluppati dei giochi a tema, che mirano a confrontarsi con questo personaggio delle fiabe. L’intento è quello di far capire ai ragazzi che dietro l’apparente trasformazione di Pinocchio, da burattino a bambino, si cela un significato ben più profondo. Un aspetto da non trascurare è la gita che si farà il mercoledì, un modo per vivere la giornata al di fuori dell’oratorio.” Quali altre attività si realizzeranno? “Quando termina la scuola c’è un problema che angoscia i bambini: i compiti. Allora si è pensato d’aiutarli a svolgere questo ‘arduo’ dovere con serenità. Quest’attività inizierà lunedì 2 luglio sino al 20: di mattina dalle 8.45 alle 12.30. Certamente studiare insieme è più piacevole che farlo da soli. In ogni modo, non si faranno solo i compiti, una volta la settimana si farà una gita, una perlustrazione del territorio vicino. E’ un modo per conoscere le bellezze circostanti al di là dei libri”. Per chi fosse interessato, ricordiamo, può rivolgersi agli uffici parrocchiali.

AUTORE: Ombretta Sonno