Capodanno in Umbria. Cosa visitare nei giorni di festa?

Tempo di lettura: 115 secondi

Papa Giovanni XXIII protagonista del Presepe di ghiaccio

Il Presepe di ghiaccio di Massa Martana quest’anno è dedicato a san Giovanni XXIII, il Papa buono. Il tema è ispirato ad una storica copertina della Domenica del Corriere del 1° gennaio 1967.

È grande 13 mq ed è al centro della XVII edizione di Presepi d’Italia, in programma dal 24 dicembre al 6 gennaio. Un’opera scolpita da Graziano Re, su progetto di “Balletti+Sabbatini Architetti”, due bravissimi professionisti di Massa Martana.

Quest’anno sono 75 i presepi provenienti da tutte le regioni, oltre 70 le opere d’arte sulla Natività, realizzate da grandi scultori e grandi ceramisti. Le opere sono distribuite in 22 locali posti all’interno delle mura medioevali del borgo dove i visitatori sono accolti dai fuochi accesi nelle piazze e dalle dolci nenie natalizie fatte risuonare nei vicoli.

Come ogni anno bellissimi presepi e tanta storia, ma anche antichi sapori di una cucina i cui nobili ingredienti arrivano dai pascoli di montagna e dalle soleggiate colline di Massa Martana: tartufi, funghi, olio extravergine di oliva, formaggio pecorino, carne Chianina, salumi preparati con maestria dai maestri norcini, il tutto innaffiato dal pregiato vino Grechetto dei Colli Martani doc.

CITTÀ DI CASTELLO – Mostra di presepi

Nonostante san Francesco lo abbia inventato nel pieno Medioevo, c’è ancora molta attualità nei 190 presepi della XIX Mostra internazionale d’arte presepiale di Città di Castello, in corso di svolgimento fino al 6 gennaio nella cripta della Cattedrale.

Quasi duecento esemplari delle scuole più prestigiose d’Italia: ben tre associazioni dei maestri di Napoli, esponenti della scuola di Bergamo, Palermo, Avellino, della tradizione umbra, di cui gli artisti tifernati sono la punta di diamante e della tradizione toscana.

Ci sono poi i presepi evento come quello che ambienta la Natività sulla spiaggia di Lampedusa, l’opera degli artisti di Cascia, che a tre anni dal terremoto tornano a Città di Castello, c’è il presepio esposto al Quirinale e c’è il presepio costruito in un acquario.

Tra gli artisti in mostra: Marco Bonechi, Romano Dini, Angela Tripi. Della mostra è stato pubblicato un bellissimo catalogo, (stampa e confezione Cartoedit) con le immagini dei diversi presepi. La mostra è aperta nella cripta della cattedrale di Città di Castello nei giorni feriali dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.30. Sabato e Festivi: dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 20.

Consulta più eventi sull’edizione digitale de La Voce.

LASCIA UN COMMENTO