Che “Voce” avremo domani?

Sabato, l’incontro di tutti gli Amici del nostro settimanale per fare il punto e rivitalizzarlo

Tempo di lettura: 94 secondi

Il card. Gualtiero Bassetti e don Elio Bromuri all’incontro degli Amici de La Voce del 2014
Il card. Gualtiero Bassetti e don Elio Bromuri all’incontro degli Amici de La Voce del 2014

Un amichevole scambio di idee tra amici, tra gli Amici de La Voce, si terrà sabato 27 giugno, a Perugia.

Il programma prevede gli arrivi alle ore 10 presso la sala del Dottorato, nelle Logge della Cattedrale. Per iniziare, la preghiera dell’ora media, cui faranno seguito i saluti del card. Gualtiero Bassetti e del sottosegretario agli Interni del Governo italiano, l’umbro Giampiero Bocci.

L’incontro proseguirà con due relazioni di carattere generale: quella del direttore mons. Elio Bromuri sul ruolo del settimanale “in tempi di rapida trasformazione della società”, e quella sulla situazione amministrativa, a cura di don Augusto Panzanelli e Vincenzo Alberati.

Prenderanno quindi la parola i responsabili delle redazioni dalle varie diocesi (le cui pagine costituiscono l’intera seconda parte del nostro giornale), nonché la capo-redattrice Maria Rita Valli per aggiornare sulle recenti novità relative al formato elettronico de La Voce che i lettori possono già scaricare sul proprio computer, oltre ai progetti multimediali per l’immediato futuro.

Soprattutto, si cercherà di lasciare il massimo spazio possibile agli interventi dal “pubblico”, composto in gran parte da collaboratori, sostenitori, fedelissimi abbonati.

Lo scopo è raccogliere proposte, suggerimenti, osservazioni anche critiche, sempre nello stile del confronto aperto e leale tra amici e compagni di viaggio. Questo consentirà anzitutto di avere un riscontro diretto circa il livello di gradimento del settimanale, dato che spesso i lettori scrivono per segnalare imprecisioni nelle notizie o disaccordi su determinate prese di posizione, ma perlopiù senza entrare in analisi di tipo giornalistico.

In secondo luogo, si avrà l’opportunità di lavorare tutti insieme – come raramente accade – per elaborare idee per il futuro de La Voce, in un momento assai critico per tutta la stampa locale. Una “tempesta” di cervelli (brainstorming)… o meglio ancora, un arcobaleno.

AUTORE: D. R.