Diocesi Spoleto. I nuovi membri del Consiglio episcopale. Mons. Piccioli confermato vicario

Tempo di lettura: 83 secondi

duomo-spoleto-verticale-cmykNel corso dell’Assemblea del clero, tenutasi nel mese di giugno scorso a Roccaporena di Cascia, i sacerdoti hanno approvato il progetto delle Pievanie: un insieme di parrocchie già unite naturalmente dalla collocazione geografica e da tratti comuni di cultura, usi e tradizioni, dove è possibile promuovere una forma di collaborazione organica per una azione pastorale più efficace ed omogenea sullo stesso territorio, secondo il principio di sussidiarietà ed il modello della suddivisione dei compiti. In seguito a tale riorganizzazionedella diocesi nei mesi estivi l’Arcivescovo ha consultato personalmente diversi sacerdoti, secolari e religiosi, circa le decisioni da assumere. Così il 14 settembre, festa della Croce gloriosa, il Presule ha quindi nominato mons. Luigi Piccioli suo vicario generale, confermandolo nella carica; don Marco Rufini vicario episcopale per il coordinamento della pastorale; don Luciano Avenati vicario episcopale per la formazione dei laici; don Sem Fioretti vicario episcopale per l’amministrazione e moderatore della Curia arcivescovile. Essi costituiscono il Consiglio Episcopale, chiamato a collaborare direttamente ed assiduamente con l’Arcivescovo nel governo della Chiesa locale e nel servizio pastorale al popolo di Dio che vive in Spoleto-Norcia. Inoltre, per favorire la conoscenza reciproca, il dialogo e la collaborazione in ambiti specifici dell’azione pastorale, mons. Boccardo ha confermato la suddivisione del territorio diocesano in cinque Vicariati, nominando i seguenti vicari zonali: mons. Luigi Piccioli per il Vicariato urbano; don Paolo Peciola per il Vicariato extraurbano padre Luigi Napolitano, ofm, per il Vicariato del Clitunno; don Rinaldo Cesarini per il Vicariato ternano; don Luciano Avenati per quello della Valnerina. In determinati casi, i Vicari zonali potranno essere invitati a partecipare al Consiglio episcopale, costituendo in tal caso il “Consiglio episcopale allargato”.