Fai. Dolce domenica con “Il fantastico mondo delle api”

Tempo di lettura: 190 secondi

Dolcezza, Bellezza e Italianità, sono questi i valori all’insegna dei quali è stata sancita la collaborazione tra Mielizia, marchio premium di Conapi, leader nella produzione di miele nazionale biologico e convenzionale che riunisce oltre 600 apicoltori per 100 mila alveari, e FAI – Fondo Ambiente Italiano, che dal 1975 ha a cuore la salvaguardia del capitale artistico, culturale e paesaggistico italiano.

L’evento “Il fantastico mondo delle api” si terrà al Bosco di san Francesco (Santa Maria degli Angeli) il 19 maggio con degustazione a cura di Mielizia all’interno del Bene FAI.

L’annuncio ha anticipato la Giornata mondiale delle api del 20 maggio, volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza degli impollinatori, sulle minacce che affrontano e sul loro contributo allo sviluppo sostenibile.

Il progetto dietro l’evento

Al fine di sostenere la difesa e la valorizzazione del patrimonio culturale ed artistico italiano, unitamente alla conservazione della biodiversità vegetale e degli ecosistemi naturali, Mielizia sigla un accordo con il Fondo Ambiente Italiano, nell’ambito nel progetto “Api nei Beni”, il concreto percorso di supporto che il FAI fornisce agli apicoltori del territorio, attraverso la creazione di nuove colonie di api nei luoghi di cui la Fondazione si prende cura, a tutela non solo dei Beni, ma anche della specie delle api, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della moria di questi preziosi insetti.

Il progetto annuale riguarda in particolare la manutenzione delle aree verdi del Bosco di San Francesco ad Assisi. 64 ettari di paesaggio collinare umbro, con 800 anni di storia, costituito da estesi boschi alternati a uliveti e coltivi. Un luogo altamente simbolico in cui, proprio con San Francesco, è nato il più alto modello di convivenza tra uomo e natura, un messaggio di armonia che ha reso nel tempo Assisi un luogo universale dedicato alla dolcezza e alla bellezza.

A veicolare tale messaggio, l’opera di Land Art “Terzo Paradiso” di Michelangelo Pistoletto, realizzata dal FAI, all’interno del Bosco, per offrire un importante spunto di riflessione sulla fusione armonica tra il Primo paradiso, regolato dalla natura, e il Secondo paradiso, regolato dall’artificio umano. Un’ulteriore sintonia tra Mielizia e FAI è riscontrabile nella forma di tale opera, che rappresentando l’intersezione di cerchi contigui, ricorda la forma che le api usano per comunicare.

“La collaborazione con il FAI – ha sottolineato Diego Pagani, apicoltore biologico e presidente di Conapi – ci rende davvero orgogliosi, perché restituisce perfettamente filosofia e intenti del nostro marchio 100% italiano con il progetto “Api nei Beni”, il cui denominatore comune sono la salvaguardia delle api, la bellezza, il territorio e le ricchezze naturali che rendono il nostro un Paese unico al mondo, così come unica al mondo è la produzione dei nostri mieli”.

In linea con la filosofia aziendale orientata alla sostenibilità, la collaborazione tra i due partner sottolinea l’italianità di Mielizia nell’anno celebrativo del suo 40°anniversario e segna il suo ingresso nel mondo del CSR, la responsabilità sociale d’impresa, che nei prossimi mesi entrerà nella fase operativa con attività specifiche sul Bene coinvolto, e sulle confezioni di prodotto inserite nelle migliori insegne retail della distribuzione moderna.

Le attività del “fantastico mondo delle api”

In particolare, le attività si svolgono nella giornata del 19 maggio, nell’ambito dell’evento “Il fantastico mondo delle api” con degustazione a cura di Mielizia, e nella giornata edutainment del 29 settembre, completamente dedicata a Mielizia, che prevede workshop su tecniche di coltura senza pesticidi e laboratori di smielatura. A sostegno della collaborazione, anche un’inedita comunicazione sulle confezioni di miele, che si sviluppa con il claim “Mielizia sostiene il FAI nella cura del Bosco di San Francesco ad Assisi” per le referenze da 700 g della linea “Noi Apicoltori”. La capsula dei mieli di acacia, di bosco e di millefiori, inoltre, riporta un “sigillo parlante” con QR code che rimanda all’approfondimento sul sito dedicato.

LASCIA UN COMMENTO