Festa di San Lorenzo e sagra di Costano

Appuntamenti estivi a Bastia

Tempo di lettura: 112 secondi

Ad agosto, come di consueto, si terranno a Bastia due importanti sagre, quella di Costano e quella di S. Lorenzo. Entrambe si svolgono da molti anni, coinvolgendo tutti gli abitanti delle rispettive frazioni. Differenti sono tuttavia le motivazioni delle loro origini: la sagra di Costano nacque per celebrare un prodotto e un mestiere tipici del luogo, ovvero la porchetta e i porchettai; quella di S. Lorenzo per raccogliere fondi destinati alla costruzione della chiesa dell’omonima frazione. La festa di S. Lorenzo, giunta alla XXVI edizione, avrà inizio il 9 agosto e terminerà il 19. Al riguardo, come tiene a sottolineare Giuseppe Segatori, anche quest’anno verrà posta molta attenzione alla cucina, celebre per i suoi piatti gustosi. Tutte le serate saranno poi animate da un complesso musicale, mentre la novità verrà rappresentata dal gioco del tiro a segno: ogni sera sarà nominato un vincitore, che l’ultimo giorno si incontrerà con tutti gli altri concorrenti. I premi (in tutto dieci, che andranno da un milione a centomila lire) saranno costituiti da buoni acquisto. Come ogni anno verrà allestita una pesca di beneficenza. I proventi della festa serviranno a realizzare una sagrestia più grande. “E’ una grande gioia” – commenta Segatori, che da sempre si impegna per la realizzazione della festa – “l’aver potuto realizzare una chiesa e un centro culturale-sportivo socio-religioso”. La sagra di Costano, giunta alla XXVIII edizione, avrà inizio il 23 agosto e si concluderà il 2 settembre. Essa si svolgerà insieme a “Costano in piazza”, manifestazione che animerà il centro storico, al fine di valorizzare l’antico castello in cui venticinque anni fa si svolgeva la sagra stessa. Sono previsti l’allestimento di mostre riguardanti l’antico mestiere del porchettaio e l’attività della banda di Costano (lo scorso anno ha festeggiato i cinquant’anni), serate di musica Jazz e Blues, nonché una mostra di pittura in cui esporranno ottanta artisti. “La festa riscuote da sempre un grande successo”, sottolinea Fabrizio Zodiaco, “poiché valorizza uno dei dodici prodotti tipici dell’Umbria, figlio di un mestiere tramandatosi nei secoli”. Da generazioni molte famiglie di Costano esercitano l’attività di porchettai e il loro prodotto è noto in tutta Italia: sembra infatti che già nel 1584 i costanesi rifornissero di porchette i frati della basilica di S. Francesco…

AUTORE: Paola Bartolucci