Giornata della Pace. L’iniziativa a Perugia

La testimonianza di un esule siriano nell'incontro che precede la messa celebrata dal Cardinale Bassetti e che si tiene al Centro Ecumenico

Tempo di lettura: 129 secondi

siria-guerraQuella che si celebra quest’anno è la 48a Giornata mondiale della pace, che è stata ricordata in forme diverse, con preghiere e riflessioni, in tutti questi anni affrontando i temi sviluppati nei messaggi che i Pontefici hanno inviato al mondo a partire dall’inventore di questa tradizione, Paolo VI, nel 1968.

Scorrendo gli argomenti trattati anno dopo anno si può scoprire la ricchezza di pensiero e lo slancio emotivo dei testi legati alle situazioni contingenti della attuale storia umana e illuminati dal pensiero sociale della Chiesa cattolica. In questo si può dire che essa fa da madre e maestra per l’intera umanità di cui ha cura costante: una Chiesa inserita nelle vicende del mondo e partecipe delle gioie e delle sofferenze delle persone a qualsiasi nazione e religione appartengano.

Su questa linea il messaggio di quest’anno 2015 di papa Francesco intitolato “Non più schiavi, ma fratelli”, nel quale descrive alcune situazioni di schiavitù quali “i lavoratori e lavoratrici, anche minori, asserviti” in molte e varie situazioni, a “molti migranti”, a “persone costrette a prostituirsi”, persone oggetto di “traffico o mercimonio per espianto di organi”, persone “rapite da gruppi terroristici” e altro.

Dopo la denuncia Papa Francesco indica le cause e i rimedi possibili chiamando in causa i governi, le organizzazioni internazionale e la coscienza collettiva dei popoli, assegnando compiti specifici ai cristiani. Conclude il massaggio evocando la “globalizzazione della fraternità, non la schiavitù né l’indifferenza”.

In Umbria, per la sua storia e lo “spirito” che la caratterizza vi sono ragioni in più per lottare contro la schiavitù e fare della pace non solo una bandiera o una marcia, ma uno stile di vita.

(Leggi anche “L’impegno comune contro ogni schiavitù”)

__________

Il programma dell’iniziativa che si terrà a Perugia

_______________

Archidiocesi di Perugia – Città della Pieve

Giornata mondiale della pace
«NON PIÚ SCHIAVI, MA FRATELLI»

 1 gennaio 2015
ore 16.00

Centro Ecumenico e Universitario San Martino
via del Verzaro 13, Perugia

 Riflessioni e testimonianze sul messaggio di Papa Francesco

Saluto di mons. Fausto Sciurpa,
direttore dell’Ufficio pastorale Problemi sociali e il lavoro, giustizia e pace

– Introduzione al Messaggio: mons. Elio Bromuri,
delegato episcopale per la cultura, direttore de “La Voce”

– È prevista la testimonianza di Mouaffak Dougmann, cittadino siriano,
presentato da Michele Bilancia e atre testimonianze.

Ore 18.00
Cattedrale di San Lorenzo

 Messa per la Pace
celebrata dall’Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve
Cardinale Gualtiero Bassetti

***

INCONTRO PROMOSSO DA

Ufficio pastorale problemi sociali e il lavoro giustizia e pace
Ufficio per l’Ecumenismo
Caritas diocesana
Meic – Movimento ecclesiale di impegno culturale
Istituto Giancarlo Conestabile della Staffa
Movimento dei Focolari
Associazione “Amici de La Voce”

_______________