I musei scientifici dell’Università di Perugia raccolti in un volume

Tempo di lettura: 93 secondi

Nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari ed ambientali, presso il complesso monumentale di San Pietro di Perugia, il 23 ottobre è stato presentato il volume Naturalia e artificialia. Musei, raccolte e collezioni dell’Università degli Studi di Perugia e i videoclip “Cams – Mondi a portata di mano”. Il volume (Aguaplano editore), curato da Cristina Galassi, direttrice del Cams (Centro di Ateneo per i musei scientifici) dell’Università di Perugia, racconta l’attuale realtà dei musei e delle raccolte dell’Università perugina documentando anche il lavoro svolto in questi ultimi anni per la loro valorizzazione e conoscenza.

Dal 2014 al 2019 infatti il Cams è stato impegnato nel far conoscere e promuovere i musei universitari di Perugia nel territorio regionale, ma anche nazionale e internazionale, perseguendo due obiettivi prioritari: da un lato allestire museograficamente e aprire al pubblico le storiche collezioni dell’Ateneo; dall’altro veicolare all’esterno il progetto educativo e comunicativo dei musei scientifici.

Attualmente sono otto i musei scientifici: la Gipsoteca Greca e Romana, a Palazzo Pontani(Perugia), presso il Dipartimento di Lettere dell’Università di Perugia, l’Orto botanico e l’Orto medievale nel complesso benedettino di San Pietro a Perugia. A Casalina di Deruta sono aperti la Galleria di matematica, la Galleria di Storia naturale, il Laboratorio di Storia dell’agricoltura e il Museo di Anatomia umana. Mercoledì 30 ottobre, alle ore 17, presso il Polo museale di Casalina di Deruta, verrà inaugurato l’ottavo museo, il Laboratorio di Scienze veterinarie e zootecniche.

Il video “Cams – Mondi a portata di mano”, realizzato da Massimiliano Trevisan, racconta in sintesi, grazie a bellissime immagini, gli spazi espositivi e le varietà di contenuti che è possibile trovare negli otto musei. Sono stati prodotti un videclip generale, della durata di 100 secondi, che raccoglie gli otto principali spazi espositivi e otto videoclip brevi, della durata di 25 secondi, dedicato a ciascun orto e museo.

M. A.

LASCIA UN COMMENTO