Il cardinale Kasper darà inizio alle celebrazioni per Leone XIII

A Perugia il Presidente del Pontificio consiglio per l'unità dei cristiani

Tempo di lettura: 212 secondi

Nella solenne e suggestiva Sala dei Notari del Palazzo dei Priori il card. Walter Kasper, presidente del Pontificio Consiglio per l’unione dei cristiani, venerdì 24 gennaio alle ore 17 parlerà alla cittadinanza perugina, dando inizio alle celebrazioni culturali di Leone XIII. Si sa ormai che quest’anno 2003 l’arcivescovo mons. Giuseppe Chiaretti, l’ha voluto dedicare al suo più illustre predecessore Gioacchino Pecci. Il cardinale Kasper verrà a rendere omaggio ad un personaggio che ha anticipato i tempi nell’ambito dell’ecumenismo, anche se all’interno del pensiero teologico ed ecclesiologico proprio dei suoi tempi. Leone XIII, infatti, appena divenuto papa si è interessato dei cristiani ortodossi e degli anglicani ed ha cercato di dimostrare loro il suo affetto e la sua stima, invitandoli ad avvicinarsi e a rientrare nella Chiesa di Roma dove avrebbero trovato una fraterna accoglienza. Per dare credibilità alle sue parole ha posto in evidenza i meriti di queste chiese e gli elementi di unità esistenti rimasti solidi nel tempo. Egli ha scritto importanti documenti nei quali illustra le comuni radici cristiane, la storia delle origini della evangelizzazione nei Paesi slavi ad opera di Cirillo e Metodio, la nobilità delle Chiese orientali e dei loro riti. (Orientalium dignitas). Si può pertanto affermare che Leone XIII ha gettato le prime basi per un ecumenismo attivo dei cattolici con grande fiducia nell’azione dello Spirito santo, al quale ha affidato le sorti dell’unione fra tutti i cristiani. Queste cose le conoscono gli storici del Papato e del movimento ecumenico ed ora viene a dirle il cardinale Kasper ai perugini nel duplice intento di far loro conoscere la figura di Leone XIII che onora la diocesi di cui è stato vescovo e di far conoscere lo stato del cammino ecumenico da allora ad oggi. Il cardinale, oltre ad essere una figura di primo piano della curia apostolica, è anche un rinomato studioso che ha scritto molti importanti volumi di teologia. Nato ad Heidenheim in Germania (1933), ordinato sacerdote nel 1957, si è laureato in dogmatica nell’Università di Tubinga, ha insegnato in varie università teologiche tedesche e americane. Ha esercitato anche il ministero pastorale come vescovo (1987) e divenuto cardinale nel 2001. Non poteva esserci una maniera più alta e solenne per iniziare l’anno leonino e per dare un forte segnale del come la nostra diocesi si pone sul piano culturale tra la riflessione e la rielaborazione di una valutazione del passato e un coraggioso impulso per affrontare le sfide del mondo contemporaneo guardando il futuro. Elio BromuriLa settimana di preghiera per l’unità dei cristiani a PerugiaTra le varie comunità cristiane non cattoliche presenti sul territorio della nostra diocesi, le più visibili e aperte sono senza dubbio la comunità valdese, con il suo centro in via Benincasa, proprio nel cuore di Perugia, e la comunità cristiana greco-ortodossa che ormai da diverso tempo è accolta nella cappella dell’Università. Non mancano mai, infatti, le presenze di cristiani valdesi nelle varie iniziative ecumeniche che si svolgono nel contesto della settimana di preghiera per l’unità dei cristiani – che quest’anno si apre ufficialmente domani, sabato 18 gennaio – e non mancano nemmeno nel corso dell’anno, nelle attività del Centro ecumenico San Martino; pur ritenendosi scettici, di fronte al cammino di dialogo ecumenico, i valdesi sono presenti con la loro partecipazione, quando vengono chiamati. Quest’anno il nuovo responsabile, il pastore Eric Nosske, il quale ha sostituito da pochi mesi il pastore Eugenio Rivoir, nella necessità di orientarsi nel nuovo contesto, non ha dato il via ad iniziative particolari per la settimana per l’unità dei cristiani. Gli ortodossi, invece – che hanno celebrato da poco, a Perugia, il Natale degli ucraini – celebreranno una messa nella chiesa dell’Università domenica prossima, con questa intenzione particolare, messa che sarà presieduta dal vicario di Venezia, responsabile anche per la zona di Perugia.Le iniziative ecumeniche della settimana promosse dalla nostra chiesa diocesana, rimangono comunque determinanti per sollecitare la partecipazione al dialogo delle altre chiese cristiane. Ricordiamo qui l’incontro di lunedì 20 gennaio, alle ore 17, al Centro ecumenico di via del Verzaro, con la pastora luterana Sabine Vosteen, sul tema: “Presentazione e valutazione del consenso congiunto luterano cattolico sulla Giustificazione”. ntrodurrà mons. Elio Bromuri La settimana si concluderà con l’Eucaristia celebrata in cattedrale dall’Arcivescovo sabato 25 gennaio prossimo alle ore 18.00.

AUTORE: Francesca Acito