‘Il mio Marco al campo scout’

Testimonianza della mamma di un figlio autistico

Tempo di lettura: 111 secondi

L’autismo è un disturbo dello sviluppo neurologico che impedisce a chi ne è affetto di interagire in maniera adeguata con le persone e con l’ambiente. Detto così il tutto si riduce a una spiegazione gelida e distante, né possono essere poche parole a descrivere un problema così grande e misterioso come quello dell’autismo. Chiediamo spiegazione alla madre di un ragazzo autistico, Paola Carnevali Valentini referente dell’Angsa nella zona di Bastia Umbra. L’ ‘Angsa’ (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) è stata fondata nel 1985 grazie a un gruppo di genitori di soggetti autistici, ed è la più grande associazione italiana presente in tutte le regioni. In Umbria ci sono 60 iscritti, ed esistono tre sedi, quella centrale a Gubbio, quella di Bastia Umbra, e a Foligno, ma ad esempio mancano completamente bacini di utenza a Città di Castello e Terni. Paola ha tre figli Andrea, Pietro e Marco, 17 anni, affetto d’autismo. Paola spiega quanto sia importante seguire sin dall’inizio questi ragazzi con metodi comprovati, ma anche disparati, dato che la ricerca scientifica brancola ancora nel buio. Ma, se le terapie e i metodi non riescono ancora a far luce sulla complessità del problema, è proprio la forza e l’energia dei genitori che spinge il desiderio di conoscenza di questo enigma che è l’autismo. Marco è una ragazzo pieno di vita, fa nuoto, basket, e frequenterà il terzo anno di ragioneria. ‘E’ da sfatare – come ci dice lei – la distorta concezione del ragazzo autistico che si barrica dentro la sua corazza senza voler interagire con gli altri’. Il 3 agosto, Marco andrà a Spoleto con il campo scouts nazionale, e questo è merito degli scouts di Assisi che hanno sempre saputo seguire Marco con spontaneità. Leggendo la relazione ‘Angsa in Umbria’, che Paola ci consegna, notiamo che pur essendo operativa solo da tre anni ha realizzato corsi di formazione per insegnanti, operatori e genitori sulle varie metodologie di approccio all’autismo, formazione di personale altamente qualificato del metodo Lovaa, supporto assiduo e costante alle famiglie sotto ogni aspetto del problema autismo. Ma ‘il da fare è ancora molto, anche se un genitore è sempre disposto a lottare per il bene dei propri figli’. Per informazioni: Angsa di Bastia Umbra – Tel.075-800.4395 – solo il lunedì e venerdì dalle 18.00/20.00.

AUTORE: Silvia Buzi