Il perdono in famiglia

L’incontro per le famiglie apre il percorso di preparazione delle diocesi umbre alla festa di san Francesco quando l’Umbria offrirà l’olio per la lampada votiva

Tempo di lettura: 236 secondi

santa-maria-angeli-assisi-piazzale-fronte-facciataL’itinerario di preparazione alla festa del 4 ottobre, quando l’Umbria tutta porterà l’olio per la lampada sulla tomba di san Francesco, inizia con un incontro dedicato alle famiglie. La data scelta dai vescovi umbri è quella della festa del Perdono che san Francesco chiese al Papa per permettere anche ai poveri, a coloro che non potevano andare nei santuari di Terra Santa o di Santiago e neppure di Roma, di ricevere il dono della Misericordia di Dio. Una festa, dunque, perchè il perdono, quello ricevuto da Dio ma anche quello donato dagli uomini, è sempre un atto che porta la vita e lo testimonieranno le persone invitate a portare la loro esprienza di perdono in famiglia, storie che vi anticipiamo in questa pagina.

Giovedì 1 agosto, alle 21, nella basilica di Santa Maria degli Angeli, si terrà la veglia penitenziale pensata per le famiglie, in particolare per gli sposi che saranno invitati a rinnovare le promesse matrimoniali.

“Sarà una bella opportunità per invocare il perdono del Signore sulla nostra vita, sulla nostra famiglia, sulla nostra comunità, e se il cuore e gli occhi della fede saranno aperti potremo anche sperimentare la gioia del perdono, esperienza di cui nei secoli hanno vissuto la ricchezza uomini e donne senza numero” ha scritto il delegato Ceu per la pastorale familiare mons. Mario Ceccobelli, vescovo di Gubbio, nella lettera inviata per invitare gli sposi a partecipare, in particolare le coppie che hanno un impegno di pastorale familiare e quelle che hanno partecipato alle giornate regionali di formazione che si sono succedute dopo il Convegno regionale di pastorale familiare del 2008 coinvolgendo decine di coppie delle otto diocesi umbre.

La veglia del 1 agosto è l’ultimo evento curato dall’équipe guidata dai coniugi Elio e Letizia Giannetti assistiti da padre Luciano Temperilli cp della Madonna della Stella. La nomina dei nuovi coordinatori della Commissione, infatti, è giunta poche settimane fa quando la preparazione era già iniziata.

Sono stati anni proficui per la pastorale familiare regionale seguita fin dall’inizio con attenzione e interesse dal corrispondente Ufficio pastorale Cei. I contenuti affrontati sono stati sempre presentati da relatori di alto livello ma si è data sempre attenzione agli aspetti “operativi”. Quest’anno, per esempio, il tema del come raccontare la fede ai bambini, agli adolescenti e nella società è stato affrontato anche nei “laboratori” tenuti da Maria Filomia sui “linguaggi” dei giovani ovvero Facebook e quant’altro offre il web. Il percorso fatto in questi anni, sottolinea padre Temperilli, ha permesso agli operatori di pastorale familiare delle diverse diocesi di “fare esperienza di Chiesa, di conoscersi e confrontarsi” e allo stesso tempo “testimoniare Cristo nella e per la famiglia”. Si è preso coscienza – aggiunge p. Temperilli – dell’importanza della famiglia nell’annuncio di Cristo nella società di oggi, poichè la famiglia è quella che può dare forza all’annuncio cristiano con il suo modo di vivere, così come avveniva nelle prime comunità cristiane”.

Ora il testimone passa ai nuovi coordinatori della Commissione regionale di pastorale familiare Stefano e Barbara Rossi con l’assistente don Fabrizio Crocioni.

Così le diocesi umbre si preparano al 4 ottobre

“Il 4 ottobre 2013 l’Umbria sarà di turno alla basilica di San Francesco in Assisi, per accendere la lampada votiva con cui l’intera nazione, rappresentata ogni anno da una regione, rende omaggio al Santo Patrono d’Italia”. Lo ricordano i Vescovi umbri nella Lettera pastorale del 1 gennaio 2013 “I passi della fede sulle orme di San Francesco”, nella quale invitavano i fedeli a “coniugare la Grazia dell’Anno della fede” con le “provvidenziali circostanze” del Giubileo eucaristico della diocesi di Orvieto-Todi e, appunto, della festa di san Francesco. In preparazione all’appuntamento che vede protagonisti i fedeli delle diocesi umbre di comune accordo con le Famiglie francescane sono stati preparati degli eventi comuni.

Giovedì 1 agosto
“Famiglia: il perdono è la tenerezza di Dio” incontro regionale delle famiglie per la Festa del Perdono. Basilica di Santa Maria degli Angeli giovedì 1 agosto, ore 21.30

Sabato 31 agosto – domenica 1 settembre
VIII Giornata per la custodia del creato
Si celebra ad Assisi la 8a Giornata nazionale per la custodia del creato con il convegno nazionale sul tema “La famiglia educa alla custodia del creato” in programma il 31 agosto e con, il 1° settembre, l’inizio della quinta edizione del pellegrinaggio a piedi “Il Sentiero di Francesco” da Assisi a Gubbio e la XXXIV edizione della Cavalcata di Satriano.

Sabato 21 settembre
“Fede, perdono, riconciliazione” evento regionale di evangelizzazione: otto incontri nelle piazze delle città umbre, richiamandosi alla predicazione francescana itinerante.

Sabato 28 settembre
Presentazione del volume L’Umbria e il francescanesimo realizzato al fine di mostrare come l’eredità di fede, cultura e arte lasciata da Francesco d’Assisi operi ancora nella società attuale.

 

Sullo stesso argomento:

Perdono, la forza capace di salvare il nostro matrimonio

AUTORE: Maria Rita valli