Immigrati: i giornali e le tv preferite

Ricerca del Corecom e dell’Università

Tempo di lettura: 110 secondi

È stata presentata sabato 11 ad Orvieto, nell’ambito del concorso-festival “Comunicare in Umbria” indetto dal Corecom, la ricerca “Mass media e immigrazione in Umbria”, realizzata dalla Facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università di Perugia, incentrata sulla fruizione mediale degli immigrati e sulla loro rappresentazione nei quotidiani e nelle tv locali. È emerso che gli stranieri utilizzano internet molto più degli italiani, guardano la televisione soprattutto Canale 5 e Rete 4, mentre la Rai, al pari delle televisioni dei Paesi di provenienza, è poco seguita. Ascoltano poco la radio e molto la musica, soprattutto quella del loro Paese. “Il 64 per cento degli intervistati – ha detto Giuseppina Bonerba, docente universitaria e coordinatrice della ricerca – legge solitamente i giornali. Il più letto dagli immigrati, secondo il nostro campione, è il Corriere dell’Umbria (21,3 per cento degli intervistati), seguito dalla Gazzetta dello sport (10 per cento)”. Per quanto riguarda la rappresentazione degli immigrati sui media locali, la ricerca curata da Marco Mazzoni evidenzia che, come già verificato in ambito nazionale, anche in Umbria essa è strettamente collegata agli articoli di criminalità, mentre raramente tocca gli aspetti socio-culturali della popolazione straniera, con delle buone eccezioni, durante il “prime time” delle tv locali, dove si segnalano alcuni programmi extra Tg, riguardanti il tema dell’immigrazione. A Palazzo dei Sette sono intervenuti, oltre a Luciano Moretti, presidente del Corecom Umbria, e Maria Pia Caruso dell’Agcom, il presidente del Consiglio comunale di Orvieto Marco Frizza, l’assessore e vicesindaco del Comune di Orvieto Massimo Rosmini, il dirigente scolastico Giuseppe Greco, il preside dell’Istituto educazione artistica e classica Mario Gaudino, il consigliere del Corecom Valentino Filippetti, il presidente dell’associazione “Insieme nel mondo”, Minodora Petre, e Barbara Colombo, presidente dell’Associazione “Artemide”. Sono stati assegnati anche i premi: premio alla carriera, consistente in una targa della presidenza del Corecom, ai giornalisti Enzo Ferrini, ex caporedattore della redazione Ansa dell’Umbria e a Renzo Massarelli, ex capoufficio stampa del Consiglio regionale dell’Umbria. Madrina della serata la giornalista Paola Costantini; gli interventi letterari sono stati recitati da Emanuela Faraglia. Una nota per noi simpatica e di immediato interesse è data dal premio conferito a Enzo Ferrini che da molte settimane ormai collabora con la nostra redazione de La Voce con apprezzati articoli di attualità.