La diocesi di Terni in preghiera per le famiglie

DIOCESI. La veglia per il Sinodo dei vescovi sulla famiglia

Tempo di lettura: 131 secondi

veglia-di-preghiera-per-il-sinodo-cattedrale-di-TerniCentinaia di persone hanno partecipato nella cattedrale di Terni alla veglia di preghiera per il Sinodo sulla famiglia, presieduta dal vescovo Giuseppe Piemontese. Una preghiera che ha unito famiglie provenienti da diverse parrocchie, movimenti e associazioni della diocesi per condividere un momento forte di comunione con la Chiesa universale.

In questo particolare momento che sta vivendo la città di Terni e tante delle famiglie che in essa vivono, il pensiero del vescovo Piemontese è stato dedicato in maniera specifica per le famiglie dei lavoratori dell’acciaieria che rischiano il posto di lavoro.

“Questa sera – ha detto il Vescovo – preghiamo in comunione con la Chiesa cattolica per tutte le famiglie, e in particolare per quelle della nostra Chiesa particolare, per quelle in crisi, per quelle sull’orlo della separazione, per quelle colpite dalla disoccupazione, per tutte le famiglie in ansia per la vertenza Ast, per tutti coloro che temono o rischiano di perdere il posto di lavoro e quindi la serenità. La nostra preghiera è di sostegno a loro, alle loro preoccupazioni e difficoltà, e in questo modo manifestiamo la nostra solidarietà e vicinanza, così come a tutte le situazioni difficili della nostra Chiesa particolare, che sono quelle che colpiscono le famiglie della porta accanto. Che il Signore voglia esaudirci per intercessione di Maria, perché faccia sorgere nel nostro cuore una luce nuova, una speranza nuova verso un mondo migliore”.

In riferimento al Sinodo sulla famiglia che si sta svolgendo a Roma, ha poi aggiunto come i lavori dei Vescovi “manifestano interesse, preoccupazione, amore della Chiesa per la famiglia. Anche interesse nostro per la famiglia; tutti noi che abbiamo sperimentato il calore e la bellezza di vivere in una famiglia, e famiglia cristiana, vorremmo far percepire la nostalgia di una vera famiglia. Di fronte ai cambiamenti culturali, sociali, politici degli ultimi cinquant’anni, che hanno portato al mutamento della concezione, della natura e del valore di istituzioni quali il matrimonio, la famiglia, il divorzio, la convivenza, l’aborto, il ‘genere’, la Chiesa sente il bisogno di comprendere e approfondire questi temi. Mentre annuncia il Vangelo della famiglia, vuole trovare e proporre vie di misericordia e di amore a ogni uomo e donna dei nostri giorni, che si trova in situazioni difformi dal Vangelo” ha concluso il Vescovo.

Anche le intenzioni di preghiera, lette da alcune coppie di sposi, hanno avuto un’attenzione per le famiglie che si trovano nella precarietà per mancanza di lavoro, per le famiglie dei dipendenti dell’Ast “perché riconoscano in queste sofferenze l’immagine di Gesù in croce, l’unico che con la sua presenza può rafforzare l’unità della famiglia, nucleo fondamentale della società”.

AUTORE: Elisabetta Lomoro