Come trovare lavoro 4.0: scuola di alta specializzazione post diploma umbra

Tempo di lettura: 86 secondi

La disoccupazione giovanile è un problema ma ci sono anche tante aziende che vorrebbero assumere ed hanno difficoltà nel trovare giovani con la preparazione e le conoscenze necessarie. Succede anche in Umbria e La Voce negli ultimi mesi ha riferito più volte delle richieste al mondo della scuola che vengono da esponenti locali di varie associazioni di imprenditori.

Come riportato dal quotidiano Il sole 24 Ore, Confindustria segnala che a livello nazionale attualmente per il 33 per cento delle offerte di lavoro è “quasi impossibile” trovare le figure professionali richieste.

Lavoratori cercasi

Guardando al futuro nei prossimi 4 anni viene stimato che serviranno 264.000 operai specializzati, 100.000 ingegneri e 65.000 “colletti bianchi” in discipline scientifiche. L’“industria 4.0” ha bisogno di personale specializzato e per questo sono nati gli ancora poco conosciuti “ITS”, istituti post diploma di alta tecnologia in grado di formare, in sinergia con il territorio, “super tecnici” e “super periti dell’industria 4.0”.

L’ITS Umbria Academy

Nella nostra regione esiste a Perugia dal 2011 l’ITS Umbria Academy, accademia tecnica di alta specializzazione post diploma che realizza percorsi di istruzione per giovani diplomati con l’obiettivo di colmare la distanza tra domanda e offerta di lavoro.

È promosso e finanziato dal Miur (ministero dell’Istruzione, università e ricerca) e dalla Regione Umbria e gestito da una fondazione della quale fanno parte organismi pubblici, associazioni di categoria, università, scuole, ordini professionali, agenzie formative ed imprese locali dei vari settori. Il presidente è Giuseppe Cioffi, amministratore delegato della Tarkett di Narni Scalo, azienda multinazionale leader nel settore dei pavimenti resilienti e parquet.

Sono già più di 500 i giovani che hanno frequentato l’Umbria Academy ed alcuni di loro hanno trovato un lavoro prima ancora della fine della scuola (continua a leggere sull’edizione digitale de La Voce).

Enzo Ferrini

LASCIA UN COMMENTO