Le famiglie sono ben rappresentate

FAMIGLIA. Verso il Convegno regionale

Tempo di lettura: 110 secondi

Il grande Convegno sulla famiglia che la Conferenza episcopale umbra ha indetto per il prossimo ottobre è un appuntamento al quale le nostre diocesi si stanno preparando da tempo. Nei tre seminari appena conclusi, alcuni delegati di ogni diocesi hanno avuto modo di ascoltare, dibattere ed approfondire le problematiche più attuali che coinvolgono la famiglia oggi. I delegati sono stati scelti direttamente dai Vescovi tra le persone impegnate nella Pastorale familiare, affidando loro il compito di creare una rete regionale e quindi di riportare i frutti di questo percorso nelle realtà particolari da cui provengono. Nella maggior parte dei casi i Vescovi hanno delegato famiglie: i seminari hanno visto la partecipazione media di 47 famiglie, che esprimono uno spaccato completo della nostra regione. Alcune coppie sono giovanissime: il 20% è sposata da meno di cinque anni, ma non manca chi ha un grosso bagaglio di esperienza basato su oltre venti anni di vita insieme. Il nocciolo principale è però costituito da coppie di coniugi intorno ai quaranta – cinquanta anni di età. Delle coppie delegate dai Vescovi, il 30% ha almeno tre figli e sono rappresentate anche famiglie molto numerose. Sono presenti tutte le classi sociali: operai, imprenditori, professionisti e insegnanti; alcune mamme sono casalinghe e qualcuno è già pensionato. Quasi tutti hanno conseguito il diploma di scuola media superiore e il 60% è laureato. Ai delegati delle diocesi è stato quindi affidato il compito di incontrarsi, conoscersi e scambiarsi esperienze e testimonianze delle più diverse situazioni vissute dalla famiglia oggi, affinché il Convegno possa essere il frutto di una esperienza di comunione tra le varie diocesi e tra le diverse realtà ecclesiali. In quella occasione la partecipazione dovrà essere ancora più ampia, per celebrare un incontro gioioso di famiglie che, con i loro figli, facciano presente quanto la nostra società abbia bisogno di questa testimonianza: nel Signore è ancora possibile amarsi, perdonarsi, accogliere la vita e servirla in tutte le fasi della sua esistenza. In questo tempo che ci separa dell’appuntamento di ottobre, compito delle coppie delegate è quello di sensibilizzare le diocesi di appartenenza risvegliando la vocazione delle famiglie ed invitandole a partecipare numerose perché ogni Chiesa domestica possa contribuire a formare un corpo più grande e testimoniare l’amore di Dio in questa generazione.

AUTORE: Francesco e Cecilia Feliziani