“L’eucaristia ci stimola a essere persone nuove”

Diocesi. L’omelia dell’arcivescovo Bassetti per la festa del Corpus Domini

Tempo di lettura: 153 secondi

corpus-domini-perugia-2013“Mi sono domandato spesso: cosa Gesù poteva fare di più per noi? – ha esordito l’arcivescovo Bassetti nell’omelia in cattedrale nella festa del Corpus Domini, domenica 2 giugno. – Nell’eucaristia, ci mostra un amore che va fino all’estremo, un amore che non conosce misura… L’eucaristia è una memoria viva, che spinge a fare sempre nuove cose, a impegnarsi: ci stimola a cambiare, a essere persone nuove”.

“Nell’eucaristia – ha proseguito – troverete la forza per continuare il vostro cammino, la pazienza e la forza di affrontare le ingiustizie, le cattiverie, le difficoltà di ogni genere, anche all’interno delle nostre famiglie. Nell’eucaristia troverete il coraggio per impegnarvi a testimoniare la vostra fede… Si viene in chiesa per ricevere il Signore, e si esce per donarlo ai fratelli, amando e servendo il prossimo”.

Poi il vibrante richiamo di mons. Bassetti a non perdere l’identità della fede cristiana in un’epoca di profonda crisi valoriale. “Purtroppo oggi, da parte di molti cristiani – ha evidenziato il Vescovo – c’è la tendenza a ridurre la propria identità di fede a un fatto privato, a un rapporto soltanto personale con Dio e con la Chiesa. E così perdiamo la nostra identità. Privatizzando il cristianesimo, noi facciamo il gioco di chi vorrebbe chiuderci in casa, di chi pensa che noi, come cristiani, non abbiamo più nulla da dire o da proporre alla società di oggi. E perfino la domenica diventa un giorno come gli altri. Riappropriamoci, perciò, della domenica, giorno del Signore, giorno della Chiesa, giorno dell’Uomo, giorno della festa, giorno del riposo!”.

E subito mons. Bassetti ha ribadito: “Difendiamo la domenica! In essa possiamo recuperare tanti valori: noi abbiamo bisogno della luce che ci viene dalla Parola di Dio e della forza che si sprigiona dal pane eucaristico. Dal banchetto eucaristico viene la forza per vivere, per curare ferite e discriminazioni. Se la nostra vita è un viaggio, l’eucaristia è il pane per questo viaggio: il viatico!».

Nell’evidenziare la sempre numerosa partecipazione di fedeli alla solennità del Corpus Domini, ha quindi affermato: “Oggi vogliamo essere tutti adoranti davanti alla santissima eucaristia, solennemente esposta e portata in processione per le nostre strade. Possa ognuno di noi rinnovare il proprio atto di fede e la sua personale offerta. Che la nostra amata Perugia, oggi prestata all’eucaristia, sia santificata dalla divina Presenza, ritrovi la sua anima cristiana e quella pace che tanto va cercando”.

Famiglia riunita

A inizio celebrazione, mons. Bassetti aveva esordito dicendo: “È bello vedere in cattedrale, nel giorno della solennità del Corpus Domini, tutta la grande famiglia diocesana per esprimere la sua lode a Gesù nell’eucaristia. Saluto con affetto le confraternite cittadine e della comunità peruviana, gli operatori dell’Unitalsi, del Centro volontari della sofferenza (Cvs) e della Croce rossa, i giovani scout dell’Agesci, i membri degli Ordini cavallereschi di Malta e del Santo Sepolcro, i sacerdoti, i religiosi e le religiose della città. In particolare, saluto i bambini presenti che recentemente hanno ricevuto la prima comunione. La messa del Corpus Domini possa riempire i vuoti del nostro cuore!”.