Lo studio universitario, iter di maturazione cristiana

Conclusione dell'anno associativo della Fuci a Perugia

Tempo di lettura: 137 secondi

Si è concluso con una messa il 17 giugno alla chiesa dell’Università l’anno associativo del gruppo Fuci (Federazione universitaria cattolica italiana) di Perugia, che ha ripreso le attività per il secondo anno consecutivo. Il gruppo ha affrontato un percorso formativo dal titolo ‘La ricerca della Verità’, volendo significare il senso più vero e più alto dello studio e del sapere universitario, cioè la convinta scommessa sulla speciale congenialità che intercorre tra l’atto dello studiare universitario e la fatica che accompagna la maturazione di una coscienza credente. In altre parole, lo studio universitario in quanto tale è un vantaggio, una preziosa opportunità, un kairòs per la maturazione della fede e della coscienza degli studenti, sperimentando che lo studio è ‘risposta alla vocazione fondamentale di portare a compimento il proprio essere persone dotate di ragione e volontà’ (G.B. Montini). Abbiamo chiesto di approfondire questo aspetto durante la Settimana dell’Università tenutasi a marzo – organizzata in tutta Italia dalla Fuci, dal significativo titolo ‘Amare Studiare’ – al prof. Franco Mezzanotte, docente di Storia medievale presso l’Ateneo perugino. L’altro aspetto non meno importante del percorso è stato l’aver affrontato alcune domande che colpiscono particolarmente lo studente universitario circa il grande dibattito sulla ‘questione antropologica’ che sta avvenendo dentro e fuori la Chiesa: chi è l’uomo? Da dove proviene la sua dignità e quella dello studente universitario? Quale umanesimo ci propongono la cultura attuale e le università che frequentiamo? La bussola che abbiamo seguito è stata la Costituzione pastorale Gaudium et spes del Concilio Vaticano II. In particolare ci siamo soffermati sulla coscienza, il ‘sacrario’ dell’uomo, e sulla sua formazione e deformazione attuale in rapporto ai modelli culturali che ci vengono proposti e alla futura professione che andremo a svolgere. Nel 2009 non sono mancati momenti significativi, come gli appuntamenti della Pastorale universitaria (il Natale e la Pasqua dell’universitario, in particolare); la tavola rotonda sugli aspetti pubblicistici di Aldo Moro (presidente nazionale Fuci dal 1939 al 1942) all’interno del Festival internazionale del giornalismo, nel quale è intervenuto il presidente nazionale Fuci, Emanuele Bordello; il Convegno nazionale Fuci a Roma sulla ‘coscienza europea’ ad aprile; la benedizione delle tessere federative presso chiesa dell’Università alla presenza dell’assistente di gruppo don Franscesco Benussi e di mons. Elio Bromuri, direttore della Pastorale universitaria della diocesi. Ci attendono nella pausa estiva le Settimane teologiche presso il monastero benedettino di Camaldoli, un appuntamento di lunga tradizione fucina aperto agli studenti universitari, dedicato alla riflessione teologica e alla preghiera. Ciascuna Settimana è vissuta all’interno della vita della comunità monastica ed è accompagnata dalle riflessioni di esperti (teologi, biblisti, docenti universitari) che introducono la tematica e sollecitano il dibattito, un momento prezioso per ricaricarsi dopo un anno di università. Informazioni e iscrizioni sul sito www.perugia.fuci.net.

AUTORE: Maurizio Barberini