Madri e bambini ospitati nella “Casa per la speranza Santa Maria della pace”

Tempo di lettura: 61 secondi

Sono in aumento le donne sole e con figli ospitate nella “Casa per la speranza Santa Maria della pace” a Valenza, che attualmente ospita 29 persone.  La struttura di accoglienza è gestita da operatrici qualificate e da tre suore della “Comunità delle suore di San Norberto della repubblica Democratica del Congo – Priorato di Kinshasa”, attualmente ospita 10 mamme con 18 minori e una donna sola, delle quali dieci nigeriane, sei italiane, sette marocchine, una ghanese, una romena, quattro tunisine. Dei 18 minori, attualmente presenti nella casa di accoglienza, 12 sono femmine e 6 maschi con un’età che varia da qualche mese a 13 anni. Oltre alle operatrici sono presenti dei volontari che collaborano attivamente con la struttura. Inaugurata il 12 febbraio 2010, per ospitare donne, italiane e straniere, anche con figli minori che si trovano in un momento di grave difficoltà della loro vita, questa opera segno della Caritas diocesana, ha ricevuto il sostegno della fondazione Carit che inzialmente ha contribuito con un finanziamento di 20.000 euro per l’acquisto degli arredi, e lo scorso anno con 38.000 euro per la gestione. Il costo per il personale, che ammonta a 31.500 euro, sarà a carico dell’associazione di volontariato San Martino che utilizzerà i fondi 8×1000 che le vengono assegnati dalla diocesi di Terni Narni Amelia.