Messaggio delle agostiniane di Cascia per la Giornata mondiale delle claustrali

Le parole di suor Maria Rosa Bernardinis, madre priora del monastero

In questo tempo in cui il Coronavirus porta il mondo a sperimentare l’isolamento, paragonabile alla realtà di un monastero, c’è grande bisogno di puntare alla comunione che noi claustrali viviamo sull’esempio di Santa Rita, come dimensione essenziale di un’umanità sempre unita, fatta da fratelli e sorelle, figli e figlie di Dio”. Queste le parole di suor Maria Rosa Bernardinis, madre Priora del monastero Santa Rita da Cascia, la quale, in occasione della Giornata mondiale delle Claustrali che la Chiesa celebra il 21 novembre, lancia a tutti la “sfida” di seguire i passi di santa Rita lungo la strada della comunione, per riscoprirci fratelli e sorelle nel tempo del Covid-19.

Santa Rita è stata ed è esempio di comunione. Lo è per noi consacrate, nel mostrarci come vivere nella gioia di donare tutto e tutte noi stesse al Signore. In Lui, la nostra vita monastica travalica i limiti fisici del monastero per raggiungere coloro che sono nel bisogno. Allo stesso tempo, Rita è un modello di vita per l’umanità, perché essere in comunione vuol dire abbattere ogni muro che ci separa, in modo particolare quest’anno. Così possiamo raggiungere la pace universale e la fratellanza per la quale siamo stati creati. In questo giorno dedicato alla nostra presenza “discreta” nel mondo, invito tutti ad unirsi a noi nel ringraziare il Signore per il dono della vita contemplativa, un dono al quale Dio stesso non smette mai di richiamarci, perché capace di generare molti buoni frutti”.

 

LASCIA UN COMMENTO