Notte santa notte di luce

Spoleto. Il ricco calendario di iniziative, culturali e ricreative, per il periodo natalizio

Tempo di lettura: 121 secondi

Saranno festività natalizie all’insegna della tradizione, con tanti spettacoli, mercatini e mostre, quelle di Spoleto. L’Amministrazione comunale ha presentato il cartellone degli eventi di fine anno, che vede il coinvolgimento di numerosi associazioni ed artisti del territorio. A fare da cornice agli appuntamenti sarà un’installazione luminosa lungo vari angoli della città. Da quest’anno, infatti, il Comune promuove le “luci d’artista”, vere e proprie opere d’arte illuminate che si aggiungono alle classiche luminarie. Protagonisti quest’anno sono i “canestri da basket” di Giovanni Albanese, grande scultore di luci noto in tutto il mondo. Momento clou degli eventi di fine anno sarà, il 26 dicembre alla chiesa dei Santi Simone e Giuda, la “Notte santa – Sacra rappresentazione da Guido Gozzano”, a cura di Anna Leonardi, con la collaborazione di vari artisti, ma anche di scuole della città. In programma poi cinque appuntamenti del Teatro famiglia, la rassegna dedicata ai più piccoli che sta riscuotendo un successo inimmaginabile, registrando finora sempre il tutto esaurito. I prossimi spettacoli saranno il 13, 20 e 27 dicembre e il 3 e 10 gennaio alle 16 al complesso di San Nicolò. Domenica 3 gennaio spazio alla banda musicale “Città di Spoleto”, in concerto all’auditorium della scuola di polizia, mentre per l’Epifania in piazza del Mercato ci sarà una coreografia di befane a cura del comando dei vigili del fuoco. Accanto a questi appuntamenti ci sono molti altri eventi promossi dalle associazioni locali, come ad esempio la Settimana del teatro dialettale, al complesso di San Nicolò, dal 7 al 12 dicembre. Due i mercatini: in piazza Garibaldi (davanti all’auditorium della Stella) torna “Un Nat@le che sia tale”, il mercatino del volontariato e della solidarietà (10-13 dicembre), mentre a palazzo Leti Sansi il mercatino di Natale fino all’8 dicembre e poi ancora dall’11 al 13. Varie le mostre programmate. La più particolare sarà senz’altro quella negli spazi di via Saffi (fino al 31 dicembre): “La porta di ghiaccio, ricordi di un viaggiatore artico”, a cura dell’associazione Il Marcherone, che prevede anche un “processo all’orso polare” il 12 dicembre al complesso di San Nicolò. Spazio anche a temi seri quale la sicurezza sui luoghi di lavoro. Ad essa è dedicata una tavola rotonda il 19 dicembre alle 9.30 al Caio Melisso, dal titolo “La sicurezza sul lavoro si fa insieme”. Non solo divertimento, quindi, ma anche riflessione su tematiche particolarmente importanti per il territorio, sulla scia dell’iniziativa recentemente promossa dal Comune di Campello sul Clitunno.

AUTORE: S. F.