Obiettivi primari la solitudine e l’emarginazione degli anziani

Inaugurata la nuova sede dell'Associazione di volontariato "Casa Chiara"

Tempo di lettura: 140 secondi

Un sigillo ufficiale dovuto e atteso quello dell’inaugurazione della nuova sede dell’Associazione socio-culturale di volontariato “Casa Chiara” avvenuta sabato 4 ottobre, presso la sede stessa in piazza Mazzini a Bastia Umbra. Presenti, oltre al parroco don Francesco Fongo e ai vari gruppi parrocchiali, il vescovo mons. Sergio Goretti, il vicario mons. Orlando Gori, le autorità civili di Bastia, le associazioni e i presidenti dei vari gruppi di volontariato, la Pro loco e le forze dell’ordine. Definito e soddisfatto il punto di vista del presidente dell’Associazione Giorgio Giulietti.Quale significato assume questo momento per l’Associazione e per la comunità intera? “Era necessario che dopo otto anni dalla nascita e in particolare dopo i disagi del terremoto del ’97 l’Associazione avesse l’opportunità di assumersi un impegno ufficiale nei confronti della città con l’obiettivo di rianimare l’opinione intorno all’anziano, alla sua solitudine e alla sua emarginazione. La grande volontà troppo spesso violata e la saggezza dimenticata ‘dell’età grande’ hanno dato all’Associazione la possibilità di farsi strumento di riconferma della sua necessità nella società”.Qual è stato l’augurio delle Autorità civili e religiose? “Un augurio reale e sentito di stimolo e di sostegno fiducioso da parte di tutte le autorità. Un esempio, quello della nostra Associazione, di lotta contro la ‘povertà del pensiero’ ha sostenuto il Vescovo al quale è seguito l’intervento dell’assessore ai servizi pubblici Giorgio Antonini che ha assicurato un impegno volto alla cordinazione delle attività delle varie associazioni di volontariato, del quale tutti hanno sottolineato l’importanza e l’utilità pulita, da ogni forma di interesse”. Com’è strutturata la nuova sede? Ci sono state variazione nella composizione del Consiglio e nell’organizzazione interna? La nuova sede è costituita da due sale e un giardino. La prima è adibita a spazio ricreativo, la seconda è suddivisa in due piccoli vani, uno destinato all’incontro è allestito con un salotto e l’altro, che verrà utilizzato per le piccole adunanze e i gruppi di lavoro, prevede anche il posto per la presidenza e la segreteria. Per quanto riguarda l’organizzazione invece sono stati istituiti quattro settori: uno culturale, uno per le manifestazioni ricreative, un settore per l’azione caritativa e un ultimo aperto ai rapporti intergenerazionali di scambio operativo e di idee con i gruppi che operano all’interno della parrocchia, con particolare attenzione a quello giovanile del Centro S.Michele. Nessuna variazione invece per quanto riguarda il Consiglio”.Quali sono le prossime iniziative programmate dell’Associazione? “Domenica 12 ottobre una passeggiata sul Monte Subasio alla scoperta dei sentieri, domenica 26 ottobre invece ci sarà la gita al santuario di Fonte Avellana, mercoledì 19 novembre gita a Roma con udienza papale, sabato 29 ‘incontri con la medicina’ dove interverrà il prof. Senin, ed infine sabato 13 dicembre ci sarà la IX edizione di poesia e musica”.

AUTORE: Lorena Ceccarelli